Spot contro la violenza sulle donne

Andrà in onda su Mediaset dal 23 al 30 novembre, nella settimana della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne fissata il 25 novembre, la nuova campagna di sensibilizzazione “Credevo fosse amore” (#credevofosseamore).

Il progetto, per il quale tutti hanno lavorato senza compenso, nasce dall’associazione Fare per bene ed è stato ideato dall’agenzia Altavia, con i suoi creativi Fabrizio Ferrero e Pierfrancesco Jelmoni.

Lo spot, girato a Milano, in una casa del Novecento, vedrà la partecipazione della top model Eva Riccobono nelle sembianze di un manichino. Inizialmente si era pensato di utilizzare un manichino vero, ma le difficoltà di fargli assumere alcune posizioni, come quella in cui spolvera un lampadario stando in piedi su un tavolino, ha convinto i produttori e il regista Federico Brugia a scegliere la Riccobono.

La campagna di sensibilizzazione vedrà anche la partecipazione di Valentina Pitzalis, la ragazza sarda vittima della follia del suo ex marito, che tre anni fa le diede fuoco lasciandola gravemente sfigurata, autrice del libro “Nessuno può toglierti il sorriso”.

“Nella marmellata televisiva di oggi, è difficile che lo spettatore si fermi a guardarti se non proponi qualcosa di narrativo, e che esca dai soliti schemi – spiega il regista – Per questo lo spot all’inizio sembra tutt’altra cosa: un linguaggio molto cinematografico, una modella bellissima vestita da grandi marchi e solo alla fine il gioco si svela.”

Lo spot, che sarà trasmesso anche via radio e sul web, è abbinato a una raccolta fondi a sostegno delle vittime di violenza e per una campagna di educazione alle differenze di genere: fino al 30 novembre sarà possibile donare 2 euro con sms da cellulare o 2 o 5 euro con chiamata da rete fissa al numero 45594.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.