Foto di 361magazine

Quando si parla di Covid, ci sono tanti pensieri contrastanti in merito.

A parlare questa volta è Piero Angela, il noto divulgatore scientifico e presentatore di Superquark.

Secondo lui è giusto che ci sia un esercito in campo per far rispettare le norme di sicurezza sanitaria. A differenza di quel che si dice in giro, il Coronavirus non è da sottovalutare e il nostro Paese ha le testimonianze su quanto possa essere mortale.

Specialmente adesso, con l’arrivo della fredda stagione e il scarso apporto di vitamina D, le difese immunitarie tendono ad abbassarsi. Di conseguenza, è più facile che il virus si manifesti in maniera violenta, in particolar modo negli anziani, se già affetti da altre patologie.

Oltre a definirlo un virus che può portare alla morte, sottolinea il fatto che la gente dovrebbe essere più coscienziosa. Pertanto, la mascherina bisognerebbe metterla a prescindere, senza che qualcuno inviti loro ad indossarla. Si tratta di una forma di rispetto per se stessi e per gli altri. A tal proposito, aggiunge:

“Quelli che non le usano sono degli untori, soprattutto se sono stati ben informati”.

Infatti, non è solo l’ignoranza che spaventa, bensì il negazionismo Covid. Al giorno d’oggi si è creato un vero e proprio movimento a riguardo, in quanto diversi sostengono che il virus sia tutta una farsa, risultato di accordi politici e questioni economiche.

Piero Angela fa un appello sui giovani

Al termine dell’intervista (riportata da vari quotidiani), il divulgatore scientifico ci tiene a fare un appello.

Si rivolge in particolar modo al contesto scolastico: è importante, secondo lui, stare attenti alla pericolosità di questo virus e cercare di far rispettare il più possibile le norme di distanziamento, specialmente tra le classi. I giovani devono dunque capire la realtà che stiamo vivendo e per poterlo fare c’è bisogno di molta informazione e sensibilizzazione… senza ovviamente dar vita ad un regime di terrore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.