CONDIVIDI

Qualche consiglio per aumentare la vostra adesione al piano dietetico

PER IL GUSTO
1. Usate spezie ed erbe aromatiche: cannella, zafferano, zenzero, curcuma, pepe, origano, basilico, maggiorana, finocchietto, anice, rosmarino, curry, paprika…
2. Usate per verdure per cucinare, non solo come contorno (voglio dire: meglio un piatto di riso bollito, o un ‘risotto’ cotto per assorbimento in brodo vegetale con aggiunta a fine cottura di broccoletti spadellati e una spolverata di Parmigiano?).
3. Sempre per cucinare, perché non usare passata di pomodoro, capperi, qualche oliva al naturale, senape senza zucchero?
4. Parlate con il vostro nutrizionista/dietista: quali sono i 2-3 piatti a cui non potete rinunciare? E’ possibile inserirli in dieta, con qualche modifica alla ricetta se troppo sostanziosi?

PER LA SAZIETA’
Volume, fibra e proteine: sono tre fattori che giocano un ruolo decisivo nella sazietà.
1. Volume. Date VOLUME ai vostri piatti: ad esempio, i fiocchi di avena cotti in porridge sono più sazianti del muesli. I cereali che in cottura si ‘gonfiano’ molto sono più sazianti della pasta (cous-cous, riso, quinoa…). Le patate, a parità di carboidrati, sono più sazianti del pane. 
2. Fibra. Non fate mai mancare la verdura: un po’ cruda a inizio pasto (anche solo una carota sgranocchiata), un po’ con il piatto principale, un po’ come contorno. 
NB. Non esagerate troppo, sennò vi gonfia e vi appesantisce la digestione, soprattutto se stufata o bollita!
3. Proteine. Frazionare la quota proteica su tutti i pasti della giornata contribuisce ad aumentare il vostro senso di sazietà: provate la colazione salata (ovetto/salmone selvaggio/prosciutto senza conservanti) o variate con yogurt greco (10 g di proteine per vasetto!). A pranzo fate un piatto unico (pasta con ragù ‘leggero’ di cui presto metterò la ricetta; insalata di quinoa con uova sode; risotto con ceci…). A cena un secondo ‘vero e proprio’ (carne o pesce o uova).

Cibi leggeri ma gustosi

Esistono alcuni alimenti ad elevata sazietà e altri a bassa sazietà. Giusto due consigli su alimenti spesso presenti in dieta ma poco sazianti:
1) Le uova. In genere a colazione sono super sazianti (provatele strapazzate con 1/2 cucchiaino di ghee o alla coque con curcuma e sale marino integrale, abbinate a pane di segale), ma per quasi tutti noi, se mangiate come secondo piatto ad un pasto, lasciano insoddisfazione. Abbinatele a qualcosa di più saziante. Esempio poco saziante: uova al tegamino, broccoletti al vapore, pane di segale/farro.
Esempio più saziante: vellutata di zucca e porri (volume + fibra); frittata con piselli (2 uova, 80 g di piselli, 10 g di Parmigiano, sale marino); 150 g di patate al vapore. 
I due pasti hanno poche calorie di differenza, stessi macronutrienti, sazietà molto diverse!
2) I formaggi. Anche questi, poco sazianti ma densamente energetici: tante calorie e grassi, poca sazietà. Giocate di nuovo sugli abbinamenti, senza mangiare i formaggi come ‘secondo piatto’ vero e proprio.
Esempio poco saziante: insalata mista con 100 g di caprino, pane o gallette.
Esempio più saziante: insalata mista con 1 uovo + 50 g di ceci cotti + 25 g di Parmigiano in scaglie + 30 g di riso semintegrale + verdure fibrose (carote, finocchi, sedano, carciofo tagliato sottile).

Post facebook della Dott.ssa nutrizionista Arianna Rossoni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.