CONDIVIDI

Se ti senti gonfia e guardandoti allo specchio non ti piaci, forse hai bisogno di sgonfiarti con l’alimentazione giusta. Solitamente ciò che ci fa gonfiare indica che qualcosa non va nel nostro organismo; è probabile infatti che soffriamo della sindrome da intestino pigro. Se vuoi saperne di più ti consigliamo di leggere attentamente questo articolo

Intestino pigro o lento cos’è

L’intestino pigro è un disturbo che accomuna un gran numero di persone. Quando le funzioni intestinali rallentano, la stipsi è il primo effetto che si verifica. Chiunque può soffrire di stitichezza, ma le donne sembrano essere maggiormente soggette.

Le cause sono molteplici, ma alimentazione scorretta e stress sono i principali fattori scatenanti. Troppe persone sottovalutano questo disturbo, pensando che sia sufficiente un comune lassativo per risolvere il problema, in realtà, il più delle volte questa soluzione risulta del tutto inefficace, in quanto la stitichezza, dal momento che può essere generata da motivi diversi, non è uguale in tutte le persone.

Per questo motivo sarebbe opportuno parlarne con il medico già dopo i primi segnali, senza cadere nella trappola dei rimedi fai da te, non sempre efficaci. Da soli non si può capire la causa e la tipologia di stitichezza. La stipsi, infatti, può essere collegata ad alcune patologie come intestino irritabile, il diabete e la colite, disturbi che necessitano di specifici trattamenti medici.

Il più delle volte, però, dietro il rallentamento delle funzioni digestive e la conseguente stitichezza si celano abitudini scorrette, come sedentarietà, scarso consumo di fibre da frutta, verdura e cereali integrali, un inadeguato apporto di liquidi. Anche le diete eccessivamente povere di grassi contribuiscono a minacciare la regolarità intestinale.

Se si soffre di intestino pigro, l’imperativo è l’assunzione di una buona quantità di fibre. Via libera, quindi, al consumo di cereali integrali, crusca, frutta fresca, asparagi, cavoli e altre verdure crocifere, fagioli e carote.

Assolutamente da evitare o limitare, invece, l’assunzione di cibi raffinati, come salumi, carni, pane bianco e zucchero bianco (meglio optare per quello di canna). Limitare al minimo l’assunzione di latticini, prodotti congelati e in generale di tutto gli alimenti a basso contenuto di fibre. Da evitare anche gli alcolici.

Oggi vi proponiamo uno dei tanti metodi alternativi di purificazione. “Alternativi” si fa per dire, in quanto vi stiamo proponendo i primi metodi di purificazione usati dall’uomo.

Oil Pulling per depurarsi in maniera naturale

Quello di cui stiamo parlando prende il nome di “Oil Pulling“. Questa procedura ayurveiyca ci permette di purificare il nostro organismo, eliminando le tossine al suo interno, con dei semplici sciacqui orali con olio d’oliva spremuto a freddo.

Andiamo ora a scoprire la procedura completa.

  • Prima di tutto partiamo dicendo che il momento migliore per praticare l’oil pulling è la mattina.
  • Appena svegli si consiglia la pulizia della lingua con il nettalingua.
  • Dopo questa procedura, bisogna mettere in bocca un cucchiaio di olio d’oliva extravergine d’oliva spremuto a freddo (mi raccomando, la spremitura a freddo è essenziale) e iniziare a far passare l’olio tra i denti, sulle gengive, senza ingoiarlo.
  • Continuate per un tempo che va dai 10 minuti ai 20 minuti. È importante non superare quel limite di tempo.
  • Dopo 20 minuti dovrete sputare l’olio che, però, sarà pieno di elementi tossici. Noi consigliamo di sputarlo nel wc mentre scorre l’acqua (subito dopo aver tirato lo sciacquone) in modo da allontanare il più possibile quegli elemento tossici da voi.

Questa è la pratica. Andiamo a fare una lista dei vantaggi che questa può procurarci ogni giorno:

  • È un ottimo rimedio contro l’alito cattivo;
  • Rende i denti più sani e più bianchi;
  • Ha un effetto detox;
  • Allevia i dolori alla mascella;
  • Previene le carie e le gengiviti;
  • Rende la pelle più bella e luminosa;
  • Allevia il mal di testa;
  • Alleggerisce il lavoro a reni e fegato;
  • Allevia l’asma;
  • Aiuta contro i dolori e gli squilibri mestruali.

Cosa state aspettando? Andate a comprare l’olio extravergine d’oliva (o, se si vuole, l’olio di cocco o di semi di girasole) e iniziate a praticare questa stupenda tecnica.

Cosa bere per depurarsi

Quali sono  quindi gli elementi che ci depurano?

Le Fibre, vitamine, minerali ed altre sostanze antiossidanti ci aiuteranno di certo a purificarsi pian piano e a ritrovare tono .

Da evitare ovviamente sono alimenti grassi come salumi e fritti e soprattutto dolci .

L’organismo ha bisogno di riaccendersi e ricominciare a eliminare scorie e tossine accumulate.

Per quanto riguarda le bevande possiamo consigliare il tè verde e il succo di pompelmo che sono ottimi antidoti contro la ritenzione idrica.

Non dimentichiamoci però una cosa molto importante : al di la dell’alimentazione corretta da seguire , per essere sempre in forma e espellere tossine e litri in eccesso è necessario bere molta acqua.

Si consiglia un litro e mezzo di acqua oligominerale

Lamponi e melograno: il frullato per depurare l’organismo

Con l’arrivo della bella stagione, non c’è niente di meglio di un bel frullato disintossicante,  per colazione o per la merenda.

Oltre  a depurare l’organismo, il frullato che vi proponiamo è ricco di vitamine, minerali e antiossidanti.

 Frullato ai lamponi e melograno

2 bicchieri di lamponi
1 bicchiere di succo di melograno
1 bicchiere d’acqua

Per la preparazione di questo frullato,  possiamo utilizzare dei lamponi freschi o surgelati. Versiamo i lamponi nel bicchiere del frullatore insieme al succo di melograno e acqua di rubinetto a temperatura ambiente. Frulliamo  fino ad ottenere la consistenza desiderata. Il risultato sarà una bevanda ricca di antiossidanti ed allo stesso tempo disintossicante.

Depurarsi dopo le feste

Il nostro organismo risente spesso della cattiva alimentazione appesantendosi e soffrendo a causa del cattivo regime che adottiamo. Una buona dose di esercizio fisico e una alimentazione corretta e salutare, però, possono depurare l’organismo e contribuire a donarci una vita più serena e per così dire “leggera”.

Eliminare le tossine che rallentano il metabolismo e ci fanno ingrassare è uno dei primi passi da compiere per depurare il nostro corpo. Il merito di riuscire nell’intento è attribuito al succo di limone.

Bere il succo di limone e mangiarne la buccia, preferibilmente se accompagnato ad un bicchiere d’acqua, contribuisce ad alleggerire l’organismo, potenziando il sistema digestivo, così da depurarlo.

Un altro accorgimento da adottare per depurare l’organismo è bere almeno due litri di acqua al giorno, importante per molte parti del corpo.

Ogni anno è sempre la stessa storia: dopo le abbuffate delle feste, arriva il momento in cui si sente la necessità di disintossicarsi da tutto il cibo ingerito. Le ore passate seduti a tavola tra decine di antipasti, tre primi, quattro secondi e dolci di ogni tipo fanno sentire i loro effetti.

Ci sentiamo terribilmente appesantiti e gonfi, a metà strada tra la voglia di fare un po’ di movimento e l’incapacità di alzarci dal divano verso il quale abbiamo sviluppato un attaccamento morboso.

Ma, per quanto la forza di volontà scarseggi, il nostro organismo ha bisogno di depurarsi e ristabilire il suo naturale equilibrio.

Il primo passo da compiere riguarda proprio l’alimentazione. Dopo i ricchi pranzi e le cene abbondanti, è necessario passare a pasti più leggeri, meglio se a base di frutta e verdura. Sono questi, infatti, gli alimenti più indicati per disintossicarsi dopo le feste. Non solo, anche l’acqua ha un ruolo importante per depurare il fisico e garantire il regolare funzionamento dei reni, del fegato e del metabolismo.

È una buona abitudine, ma poco praticata, bere un bicchiere d’acqua al risveglio. Nell’arco della giornata si dovrebbe arrivare ad almeno due litri.

A colazione, raccomandano gli esperti, vanno bene delle fette biscottate con marmellata senza zucchero, oppure centrifugati di frutta. A pranzo e a cena, invece, sarebbe meglio sostituire i cibi ricchi di carboidrati, come pasta, pane, riso, pizza, con le verdure.

Per evitare di esagerare con il cibo durante i pasti principali, meglio fare uno spuntino a metà mattina e a metà pomeriggio. Da evitare gli snack e i vari cibi ricchi di zuccheri: optate per un buon frutto.

Cosa aspettate? In attesa dell’estate depurate alche voi il vostro organismo, seguendo queste due semplici mosse!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.