CONDIVIDI

Malattia infiammatoria pelvica

La malattia infiammatoria pelvica è un’infezione degli organi genitali femminili, con particolare riferimento all’utero, alle tube di Falloppio e alle ovaie. È causata da agenti infettivi trasmessi per via sessuale, in particolare quelli riscontrabili in due malattie sessualmente trasmissibili: la Gonorrea e la Clamidia. Possono trascorrere diversi giorni e anche mesi prima che la malattia si manifesti.

Il sintomo principale di questa patologia è il dolore, anche di forte intensità, localizzato nel basso ventre. A questo si associano spesso: perdite vaginali di cattivo odore, dolore durante i rapporti, spotting, flusso mestruale abbondante, lombalgia, febbre (pari o superiore a 37,5), debolezza, diarrea, vomito, dolore durante la minzione. La sintomatologia della malattia infiammatoria pelvica può essere di intensità lieve o grave, in alcuni casi la patologia può essere asintomatica.

I fattori di rischio sono molteplici: partner sessuali multipli, rapporti sessuali non protetti, uso della spirale come contraccettivo, scarsa o eccessiva igiene personale (sarebbe opportuno evitare le lavande), aver contratto in passato malattie sessualmente trasmissibili. Anche l’età rientra tra i fattori di rischio: le donne sessualmente attive con meno di 25 anni sono maggiormente esposte perché la loro cervice è più soggetta alle malattie sessualmente trasmissibili. La fascia d’età più colpita è infatti quella tra i 20 e i 25 anni.

Trascurare o non curare adeguatamente questa patologia può portare a conseguenze anche molto pericolose per la salute della donna. Si possono infatti verificare complicazioni come sterilità, gravidanza extrauterina, infezioni genitali ricorrenti, dolore pelvico cronico, ascessi.

In assenza di una terapia specifica, tale malattia può comportare la formazione di tessuto cicatriziale che può arrivare a bloccare parzialmente o totalmente le tube. Se le tube sono completamente bloccate, gli spermatozoi non riescono a fecondare l’ovulo e si verifica la sterilità della donna; se l’ostruzione è invece parziale, l’ovulo può incontrare difficoltà nella discesa verso l’utero. La malattia infiammatoria pelvica è infatti la principale causa di gravidanza ectopica: l’ovulo fecondato, non riuscendo a raggiungere l’utero, si impianta nelle tube. Ciò può provocare una lacerazione della tuba, con conseguente dolore intenso, emorragia interna o persino il decesso della paziente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.