CONDIVIDI

Le donne che soffrono di ovaio policistico rappresentano in Italiauna percentuale che varia tra il 5 ed il 10%. Si tratta in sostanza di un disturbo complesso delle ovaie che producono gli ovociti maturi. L’ovaio ha il compito di produrre periodicamente questi ovociti durante il processo di ovulazione, i quali saranno poi fecondati dagli spermatozoi.

Nel caso in cui la donna soffra di Ovaio Policistico, avrà delle ovaie con dimensioni superiori alla media, con all’interno numerose cisti (piccole cavità ripiene di liquido). La superficie esterna apparirà invece punteggiata da piccoli follicoli, i quali non raggiungono mai il loro completo sviluppo. I sintomi di questa disfunzione sono: assenza di mestruazioni (amenorrea) o scarsa frequenza delle stesse, aumento di peli superflui su viso e corpo (irsutismo), acne sul viso, pelle grassa o forfora, sovrappeso o obesità (le cellule dell’organismo in questo caso sono molto resistenti all’insulina, ormone che regola il metabolismo degli zuccheri), nonchè episodi di aborto spontaneo ricorrente.

Le cause della sindrome dell’ovaio policistico non sono state definite ancora con chiarezza. La più avvalorata è quella dell’iperandrogenismo: l’eccesso di androgeni è causato da alterazioni ormonali. Tra le altre ipotesi l’alterazione della secrezione dei due ormoni prodotti dall’ipofisi: FSH e LH. Questi due ormoni svolgono una funzione determinante per il corretto funzionamento dell’ovaio. Altra causa potrebbe essere l’iperinsulinismo, un’eccessiva secrezione insulinica può provocare disturbi all’utero. Inoltre nel 30% delle donne affette si riscontra una forte presenza di prolattina, con valori doppi rispetto al normale.

Per una corretta diagnosi ed in caso di sospetto ovaio policistico, occorre sottoporsi ad un’accurata ecografia pelvica e dosaggi ormonali, per quantificare la concentrazione nel sangue di sostanze prodotte dalle ghiandole endocrine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.