CONDIVIDI

L’abuso di cortisone aumenta la possibilità di cataratta

Come combattere gli effetti del cortisone

I farmaci a base di cortisone permettono di curare diverse malattie ma provocano anche svariati effetti collaterali, conseguenze che si manifestano già durante la terapia ma che tendono a protrarsi anche una volta terminata, spesso persino per lunghi periodi di tempo.

Tra gli effetti più comuni ci sono: acne, aumento di peso, ipertensione e ritenzione idrica. Il nostro organismo ha infatti bisogno di tempo per rimettere in sesto i suoi sistemi depurativi, in particolare quello drenante, ma noi possiamo dargli una mano. In che modo? Seguendo alcuni accorgimenti che aiutino il nostro corpo a eliminare le tossine.

Dopo una terapia a base di cortisone, ma anche durante, è necessario incrementare il consumo di acqua: l’ideale è berne dai due ai tre litri al giorno. Consigliate le acqua ricche di magnesio e calcio, utili a stimolare la bile e in grado di svolgere un’azione pulente sul fegato. Il regime alimentare per purificare quest’organo prevede poi l’eliminazione di grassi saturi a vantaggio di cibi amari come i carciofi, broccoli, indivia, cicoria, e ricchi di grassi insaturi come la frutta secca.

Consigliati anche i cibi contenenti antiossidanti, provitamina A ed E, vitamina B6, B9, C e fibre, utili a stimolare il sistema linfatico e le funzioni intestinali, migliorando così anche l’aspetto della pelle.

Il corretto funzionamento dell’intestino può essere ripristinato attraverso il consumo di cibi ricchi di fibre, acqua, vitamine, magnesio e zinco. Via libera quindi al consumo di mele, pere, uva  (anche sottoforma di centrifugati), ma anche zucca e zucchine.

Attenzione al sale, è infatti necessario ridurne al minimo il consumo (utilizzate le spezie per condire le pietanze), anche stando attenti al sodio nascosto in alcuni alimenti, come quelli confezionati.

Contro la ritenzione idrica, invece, si consiglia il consumo di cibi ricchi di potassio, utile ad eliminare i liquidi in eccesso: fagioli, lenticchie, asparagi, piselli, ananas, melone.

Non dimenticate l’importanza del movimento: non è necessario passare ore e ore in palestra, basta anche poca attività fisica, purché sia svolta con regolarità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.