CONDIVIDI

La pagina Facebook “l’ultimo esorcista” ci fa sapere che la corte di Strasburgo difende la blasfemia.

Ecco il post:

DIRITTO ALLA BLASFEMIA. La Corte europea dei diritti dell’uomo, detta Corte di Strasburgo, ha condannato la Lituania per avere proibito una pubblicità in cui Cristo e la Madonna (presentati tatuati e seminudi) vengono utilizzati per vendere prodotti di abbigliamento. Per i giudici di Strasburgo (che non dipendono dalla Ue, ma dall’ancor più funesto e ideologizzato Consiglio d’Europa) la proibizione della blasfemia a fini commerciali violerebbe la “libertà d’espressione”. In nome dei diritti dell’uomo (e dell’incondizionata libertà di vendere merce) il cristianesimo riceve dall’Anti-Europa l’ennesimo schiaffo morale. Gli idoli della merce e del denaro, e l’idolo della “libertà d’espressione” regnano sovrani (naturalmente solo finchè non si toccano gli immigrati, gli omosessuali e altre categorie privilegiate).

Se la Corte di Strasburgo è presieduta dall’italiano Ezio Raimondi (disonore tutto nostro), la sezione della Corte che ha elaborato all’unanimità la sentenza è presieduta da una giudice ucraina che ha studiato negli Usa, Ganna Yudkivska (suppongo una grande amica deli golpisti di piazza Maidan). Esattamente come il comunismo non era un’ideologia buona e generosa che ha portato a funeste realizzazioni, ma un’ideologia cattiva in sè; i diritti umani non sono affatto, al di là delle apparenze umanitarie, un’ideologia buona, ma un’ideologia cattiva in se stessa.

Ancora una volta i “diritti umani” sono infatti lo strumento utilizzato per distruggere l’Europa cristiana. Lo aveva spiegato una volta per tutte il grande controrivoluzionario Louis De Bonald: “La rivoluzione è incominciata con la Dichiarazione dei diritti dell’uomo, e non finirà che con la dichiarazione dei diritti di Dio”. Meditate gente, meditate.

(Martino Mora)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.