Covid 19. E’ scoppiata una rissa in un supermercato di Casoria per una mascherina non messa , tutto è stato documentato con un video.

Non sono tardate le parole di Borrelli e Simioli: “Episodio da condannare. In questo momento è fondamentale garantire la sicurezza ai cittadini.”
Si tratta di un ennesimo atto di violenza generato dalla tensione per l’emergenza Coronavirus che è accaduto a Casoria, Napoli.

Vediamo di capirne di più.
Il fattaccio sarebbe accaduto nel tardo pomeriggio del 31 marzo in supermercato di Casoria ; scoppia una furiosa lite tra alcuni clienti per una mascherina non indossata.
L’episodio è stato immortalato da un cellulare e nel video si  capisce come un cliente si rivolga in modo brusco e violento ad un’altra persona solo perchè questa non indossa la mascherina di protezione. La diatriba si trasforma così in una rissa tra più persone, sedata prima dai dipendenti del supermercato e poi dai Carabinieri.

Antonio Rea , titolare supermercato Casoria


Il titolare del supermercato Antonio Rea ha raccontato l’accaduto in diretta telefonica alla trasmissione “La Radiazza” condotta da Gianni Simioli e con il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli :

”Il fatto è accaduto verso l’orario di chiusura, dentro al supermercato c’erano solo pochi clienti. Un gruppo di ragazzi, un po’ su di giri, come è stato accertato anche dalle forze dell’ordine, è entrato nel supermercato ed uno di loro ha tolto la mascherina.

Alla cassa un cliente si è rivolto a quel ragazzo senza mascherina in maniera sin troppo violenta ed agitata, voleva che rimettesse la mascherina, e a quel punto è scoppiata la rissa. È un momento brutto per tutti, si respira ansia ed agitazione e proprio per questo occorrerebbe essere più sensibili e calmi quando ci si rivolge agli altri .Altrimenti si peggiora la situazione e possono nascere episodi di violenza del tutto inutili, come quello accaduto nel mio supermercato. “.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.