Coronavirus. C’è il rischio che la quarantena si prolunghi a lungo a causa dei “furbetti” che hanno deciso di stare per strada e non rispettare la quarantena obbligatoria indetta dal decreto.

Chiusure dunque fino al 18 aprile e una possibile nuova proroga fino a maggio. Il motivo è presto detto: Troppo alto il rischio che – qualora si decidesse di allentare sia pur di poco le misure – ci sarebbero violazioni gravi rispetto alla necessità di mantenere la distanza e di stare protetti con le mascherine e gli altri dispositivi.

La decisione sarebbe partita dalla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese che vorrebbe potenziare ulteriormente i posti di blocco in tutta Italia coinvolgendo anche gli agenti della polizia municipale con funzioni di pubblica sicurezza.

5.000 persone a spasso

Venerdi 27 Marzo i controlli sono stati 210.365 e le multe 2.783 con una percentuale che si è mantenuta costante. L’impennata è arrivata sabato quando i fermati sono scesi a 203.011 ma gli “irregolari” sono stati 4.942.

La scusa è sempre la passeggiata per fare la spesa o andare a trovare un parente anziano più volte alla settimana.

Il rischio è altissimo ma pare che la gente non se ne renda conto e di mezzo ne vanno tutti, soprattutto chi è rimasto a casa rispettando il decreto.

Proprio per questo motivo, sembrano necessarie misure restrittive che allungherebbero i tempi di quarantena.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.