Foto Cecilia Fabiano/ LaPresse 11 aprile 2020 Roma (Italia)

A volte il Coronavirus può avere dei fatali effetti collaterali.

Come il caso di Mario Fanelli, morto a 64 anni, sei mesi dopo aver contratto la malattia. L’uomo di Cattolica (Rimini) è deceduto sabato per via dei danni provocati dal virus al suo organismo. Infatti, sembrava essere guarito dal Covid ma i suoi organi avevano subito un duro colpo tanto da essere compromessi e richiedere diversi mesi di terapia intensiva, da marzo a settembre.

Insomma, sei mesi di agonia per il povero Mario. A raccontare la sua storia ci ha pensato la moglie. Infatti, secondo quanto riportato dal giornale “Corriere di Romagna”, ha detto così:

 “Quando sento le persone che dicono che il virus non esiste, che è più debole, che non si vogliono mettere le mascherine, mi prende una rabbia immane. Non lo sanno cosa abbiamo passato, una cosa che non auguro neanche al mio peggior nemico”.

Mario non soffriva di altre patologie

Molti si sono chiesti se Mario soffrisse di altre patologie.

La risposta è no. La sua salute, prima del contagio era abbastanza ottimale. La moglie ha dichiarato che prendeva soltanto la pillola della pressione. Anche lei ha contratto il Covid, ma in forma lieve.

Tra l’altro, suo marito era risultato negativo dopo una ventina di giorni. Il che ci fa capire che non era più affetto da Coronavirus ma i danni agli organi hanno peggiorato il suo quadro clinico.  Nonostante le varie cure e tutti gli interventi possibili, l’uomo di Cattolica purtroppo non ce l’ha fatta. Ha lasciato un vuoto immenso, facendo anche capire che il virus non va affatto sottovalutato.

Ecco le parole di Giuseppe Nardi, direttore dell’U.O. Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Infermi di Rimini:

 “È stato straziante. Per lui, per la sua famiglia e anche per tutti. Abbiamo fatto tutto il possibile per cercare di salvarlo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.