CONDIVIDI
Foto di ecodibergamo

Ogni giorno i mass media ci informano del bollettino riguardante i decessi, i contagi e i guariti da coronavirus. Ma dietro a questi dati c’è molto di più.

Ad esempio, a Bergamo ci sono almeno 1800 persone con la polmonite e non si parla principalmente di anziani ma anche di giovani trentenni.

È una notizia davvero sconcertante. Perché in tv e sui social ci fanno credere che il coronavirus sia un problema che colpisce più che altro la gente con età avanzata.

In realtà, nessuno è immune da questa situazione, nemmeno chi non presenta patologie pregresse.

Certamente, a livello di statistiche è molto raro che una persona giovane e sana possa prendere il coronavirus in maniera drastica ma non lo si esclude al 100%.

Proprio per tale motivo, si chiede vivamente a tutti gli italiani di non sottovalutare la questione. Di conseguenza, è fondamentale restare a casa il più possibile ed uscire soltanto quando è strettamente necessario (ad esempio per le medicine o per fare la spesa).

Bergamo ospedali pieni

Bergamo è certamente una delle città italiane più colpite dal coronavirus.

I dati pubblici mostrano chiaramente quanto sia difficile adesso sia per i medici che per gli infermieri riuscire a prendersi cura di tutti i pazienti come invece si riusciva un tempo, quando la mole di lavoro era minore.

Se si continua di questo passo, ci vorrà nuovo personale ma anche nuovi posti letto e respiratori, proprio perché la polmonite sta colpendo sia anziani che giovani.

A tal proposito, la segretaria Fimmg Lombardia Paola Pedrini, ha voluto dire la sua in merito:

“La polmonite da Coronavirus evidentemente non colpisce solo in età più avanzata. Qui a Bergamo siamo 600 medici di famiglia e ognuno di noi ha in osservazione almeno 3 trentenni malati di polmonite da Covid”.

Insomma, dei dati che ci fanno pensare molto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.