CONDIVIDI

E’ andato in onda un altro servizio delle Iene show, il programma in onda in prima serata su Italia 1.

Il servizio diretto e ideato da Nadia Toffa ha ad oggetto la questione delle unioni gay e dell’utero in affitto.

Come molti sanno, la pratica dell’utero in affitto è vietata in Italia e consiste nell’impiantare un ovulo di una donatrice e lo sperma del donatore nell’utero di una madre surrogata.

Una pratica davvero squallida a detta di molti ed è per questo che i fans si sono fatti sentire a gran voce.

Ecco alcuni commenti presenti sotto il post del Video Delle Iene sulla Pagina Ufficiale Facebook del programma:

 

-Avere un figlio non è un diritto, ma un bambino ha il diritto di avere UNA MAMMA e UN PAPÀ!

– Sono a favore di unioni civili e matrimoni omosessuali, ma l’utero in affitto è una vergogna contro natura.
Tra l’altro il donatore neanche ha il gusto di farsi una sana scopata, e la madre biologica non può allattare, e l’allattamento è la fase più importante di tutta la vita, sia fisicamente sia affettivamente.
Ma poi perché i comunisti hanno tutti la stessa faccia di cazzo?

– Hai dimenticato di dire che la mamma “surrogata” è stata pagata, quindi il figlio è stato oggetto di compravendita, un povera creatura è stata mercificata per assecondare le voglie di due deficienti, perché così li chiamo prima ancora di omosessuali.

-Da mamma provo rabbia. Mi dispiace ma non condivido.
Non c’è nulla da dire contro i gay. Ma un bimbo ha bisogno della SUA MAMMA E DEL SUO PAPÀ

-Spero si scherzi!!! Cominciò ad odiare le iene, la maggior parte dei servizi servono per fare il lavaggio del cervello alla gente e per far entrare in testa la “normalità” delle adozioni per coppie omosessuali!! Mi nausea tutto ciò

-Ma sti due grandissimi squallidi ipocriti… “A questa domanda non voglio rispondere”… “Negli USA le chiamano surrogate”… Ecco perché di fronte a legittime richieste di diritti di persone che si vogliono bene, bisogna fare moltissima attenzione a questi pietosi squallori…bambini in vendita.

-o magari non ti viene in mente che c’e’ una “leggerissima” differenza tra chi è costretto a pagare agenzie che si occupano di adozioni perché gravate da una burocrazia impossibile (ed almeno l’adozione salva un bambino abbandonato) e due soggetti che pagano decine di migliaia di euro per farsi FABBRICARE un figlio?!

-Smettetela di volerci far credere che un bambino nato dal seme di uno dei suoi padri, impiantato nell’ovulo di una sconosciuta e cresciuto e nato da un’altra ancora…sia “naturale”…lo trovo irrispettoso nei confronti stessi del bambino…che comunque da grande si farà molte domande.

– Quindi se uno chiama (come secondo la Toffa) la pratica dell’utero in affitto con un altro nome (perchè quello non le piace tanto…) cambia totalmente il suo significato, e far si che sia tutto ok…
utero in affitto iene

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.