CONDIVIDI

Come avere gambe sexy

Shorts, gonne, vestitini: in estate le gambe sono sempre ben in vista, per cui è necessario conoscere i modi per valorizzarle. Non tutte le donne hanno la fortuna di avere gambe perfette: c’è chi le ha corte, chi grosse, chi storte o eccessivamente magre.

Se Madre Natura si è dimenticata di curare questa parte del corpo, rimediate voi mettendo in atto qualche semplice accorgimento. Vedrete, scoprirete di avere anche voi gambe terribilmente sexy!

Gambe corte

I tacchi sono la soluzione ideale per dare l’impressione di avere gambe più lunghe. Non esagerate, però, se camminate come dei T-Rex il risultato sarà ben poco soddisfacente, e finirete per passare come una ragazza che, pur di sembrare più alta, sarebbe disposta a prendersi una distorsione alla caviglia! Meglio non superare i 10 cm.

Il cinturino, al contrario di quanto si è solito dire, non è bandito, perché mette in risalto la caviglia, distogliendo così l’attenzione dalla lunghezza della gamba.

Oltre ai tacchi, è importante scegliere la lunghezza giusta di gonne e vestiti: il limite è rappresentato dal ginocchio. Andando oltre, infatti, si rischia di accorciare ulteriormente la figura.

Gambe grosse

L’obiettivo è quello di ottenere un effetto snellente. Optate per gonne e abiti a vita alta, da indossare rigorosamente con i tacchi. Chi ha i polpacci grossi dovrebbe scegliere gonne e vestiti che arrivano al ginocchio o alle caviglie (se si è alte), da evitare invece tutto ciò che è longuette, perché tende ad esaltare questo piccolo difetto.

Gambe magre

I jeans skinny, anche con effetto push-up, sono i principali alleati di questo tipo di gambe, ma vanno bene anche i pantaloni palazzo, perché riescono a camuffare la magrezza. Bene le gonne svasate e le scarpe alte col plateau, che le fanno sembrare più in carne. Via libera a forme e colori: con le gambe magre ci si può sbizzarrire nella scelta dell’outfit!

come valorizzare gambe

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.