Home Curiosità #MiTroviAgliUffizi: come trasformarsi in opere d’arte FOTO

#MiTroviAgliUffizi: come trasformarsi in opere d’arte FOTO

No, non c'entra il Carnevale, si tratta di un'iniziativa volta ad aprire le porte del web all'arte.

12496
1
CONDIVIDI

Arte e Internet

L’arte non è esattamente uno degli argomenti più gettonati sui social network, gossip e politica vanno sicuramente meglio, ma mai di re mai. Infatti, con la giusta chiave, si possono aprire i portoni dei musei anche sulla rete. Come?

La soluzione l’hanno trovata gli ideatori di Friendz, un’app che permette agli utenti di creare scatti con i loro prodotti preferiti e diventare “testimonial” dei brand. Attraverso l’ashtag #MiTroviAgliUffizi è stato chiesto agli utenti di trasformarsi nel protagonista di un quadro.

L’iniziativa ha riscosso subito un enorme successo, tanto che la piattaforma è stata pacificamente presa d’assalto da promettenti imitatori. Ed ecco la sosia della Gioconda, della “Dama col velo”, o una versione rivisitata del “Pensatore”. Immancabili “Il bacio” di Francesco Hayez e “L’urlo” di Munch.

L’obiettivo, come spiega Cecilia Nostro, una delle co-fondatrici, è quello di dare maggiore visibilità all’arte, ripulendola da quella patina di pesantezza e noia che spesso gli viene attribuita.

“Pensavamo a un modo per creare contenuti riferiti all’arte che spesso sono assenti fra le cose ‘cool’ del web. Così abbiamo chiesto agli utenti della nostra community di immedesimarsi in un’opera d’arte e di postare la foto sul proprio profilo Facebook attraverso la nostra applicazione. In pochissimo tempo sono arrivate migliaia di fotografie dove le persone si sono trasformate in bizzarre versioni de ‘La Gioconda’ o della ‘Dama con l’ermellino’ o in sculture marmoree. Il trend sui social ha fatto scalpore, quindi parlar d’arte non è noioso: se si trova la chiave, la rete impazzisce.”

Ecco a voi le opere d’arte in versione moderna.

Gallery

Allegro violinista con bicchiere di vino - Gherardo delle Notti

1 commento

  1. “Il trend sui social ha fatto scalpore, quindi parlar d’arte non è noioso: se si trova la chiave, la rete impazzisce.” Quindi se parlare di arte non è noioso perché sui social hanno fatto scalpore alcune persone vestite a maschera, allora possiamo anche dedurne che arte e carnevale sono la stessa cosa?
    Forse nell’ultima frase era meglio dire, ecco a voi la cultura che diventa una buffonata!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.