Come dirgli che quella persona non c’è più

La morte di una persona cara sconvolge l’equilibrio psicologico di un individuo, e la situazione tende a farsi più complicata quando vi è la necessità di comunicare il lutto ai bambini. I più piccoli vengono sempre tenuti lontani dalla malattia, da ambienti e discorsi e tristi, ma non restano indifferenti davanti ai cambiamenti che la morte di una persona provoca nel contesto familiare.

Le lacrime, i volti tristi, le visite di persone sconosciute: sono tutti segnali che vengono captati dal bambino, anche se non ricondotti direttamente alla morte. Ciò può provocare in un lui un senso di spaesamento, avverte che è successo qualcosa ma non riesce a capire. Sta ai genitori aiutarlo nella comprensione di quanto accaduto, cercando un modo semplice e veritiero per comunicargli la morte di quella persona.

Si tende spesso a utilizzare eufemismi del tipo “il nonno è partito per un lungo viaggio”, gli esperti consigliano di non farlo perché l’unico risultato che si ottiene è quello di instaurare nel bimbo un’attesa senza fine e la convinzione che il nonno prima o poi tornerà. Meglio spiegargli il lutto con parole semplici e chiare, senza eccessive spiegazioni.

È importante, inoltre, che il bimbo conservi il ricordo della persona cara, questo potrebbe aiutarlo ad affrontare meglio la perdita. Non si deve quindi evitare di parlare della persona che non c’è più o nascondere le foto che la ritraggono. Condividere i ricordi può giovare sia ai grandi che ai piccini.

Il bimbo potrebbe sentire il bisogno di fare domande sulla morte o su quanto accaduto, evitare di rispondergli sarebbe un errore, non farebbe altro che alimentare i suoi dubbi e non gli consentirebbe di elaborare il lutto.

I bambini, così come gli adulti, possono avere reazioni diverse davanti alla morte: ci sono quelli che scoppiano a piangere, solitamente i più grandicelli, e quelli che, al contrario, non dicono niente e tornano a giocare. Questo comportamento può riflettere la non comprensione o il rifiuto di quanto accaduto, e la conseguente necessità di elaborare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.