Tranquille: in linea di massima non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Vediamo comunque nel dettaglio tutte le anomalie legate al ciclo mestruale proprio per capire quando questo disturbo può  nascondere problemi più seri.

Qual è la causa più comune tra le irregolarità ? La Polimenorrea

Se le mestruazioni tendono ad arrivare in anticipo, ad un ritmo inferiore ai 25 giorni, soffrite di polimenorrea.

Nel caso in cui il fenomeno è isolato non c’è motivo di preoccuparti, poiché può dipendere da stress o stanchezza.

Da cosa è causata la polimenorrea?

Solitamente dipende da un’insufficiente produzione di progesterone da parte dell’ovaio nella seconda parte del ciclo mestruale oppure dalla breve durata della fase pre-ovulatoria, legata a squilibri ormonali.

Amenorrea cos’è

Si tratta di  mancanza del flusso mestruale per almeno 3 mesi ed determinata da una serie di altri disturbi, come l’anoressia, l’eccessiva produzione di prolattina e la conformazione anomala dell’utero.

Le cause di questo fenomeno sono da ricercare nell’iperandrogenismo e nella sindrome dell’ovaio policistico, condizioni che provocano un’eccessiva produzione di androgeni, ormoni maschili.

Amenorrea cause

La mancanza di ciclo mestruale per amenorrea può essere scaturita da una serie di fattori, prettamente fisiologici e in alcuni casi psicologici.

Tra le cause più diffuse di amenorrea abbiamo:

  • Uno scompenso ormonale (dovuto sia alla pubertà che alla menopausa)
  • La gravidanza
  • L’allattamento
  • L’anoressia
  • Gravi danni psichici.

Nei casi peggiori, l’amenorrea può essere strettamente collegata ad alcune malattie dell’apparato genitale. Questo perché l’assenza di ciclo è data da un’alterazione di meccanismi che coinvolgono principalmente l’endometrio, ossia la parete dell’utero. Essa fa quindi da protezione e nel caso in cui dovesse essere attaccata o addirittura distrutta, genera una serie di danni all’organismo femminile.

Andando nello specifico, è possibile fare una distinzione di amenorrea, in due categorie: amenorrea primaria e amenorrea secondaria. Scopriamole nel dettaglio! 

Amenorrea primaria

L’amenorrea primaria è quella che fa riferimento alla non comparsa del ciclo mestruale nella fase della pubertà.

Ciò significa che alcune ragazze, all’età di 16 anni non hanno mai avuto il primo flusso ed è un aspetto che chiaramente le manda in allarme.

Non esiste una causa ben precisa a tale anomalia, poiché le ipotesi possono essere davvero tantissime. Ad esempio, uno scompenso ormonale, l’eccessiva magrezza, un trauma psicologico, delle malformazioni all’apparato genitale, anemia,e via dicendo. Tuttavia, il corpo della ragazza va incontro allo sviluppo fisico (aumento del seno, dei peli al pube e alle ascelle e così via) e ciò risulta essere una bella contraddizione. 

Ma per sciogliere ogni dubbio in merito, la prima cosa da fare è mantenere la calma e non andare in uno stato di panico. Pertanto, basta rivolgersi ad un medico esperto del settore, il quale saprà offrire una diagnosi dettagliata. 

Amenorrea secondaria

Con l’espressione amenorrea secondaria si fa invece riferimento alla scomparsa del ciclo mestruale in maniera inaspettata e che non ha nulla a che fare con il periodo di gravidanza, l’allattamento o la menopausa.  Quali possono essere le cause di amenorrea secondaria? 

Anche qui, si ha modo di citare una serie di motivazioni, come ad esempio: 

  • Eccessiva magrezza o altri disturbi alimentari
  • Asportazione chirurgica delle ovaie o dell’utero
  • Alterazione della funzionalità ipofisaria
  • Diminuzione dell’attività delle ghiandole endocrine
  • Produzione sbilanciata di estrogeni e progesterone
  • Traumi psicologici
  • Stress generato da vita eccessiva frenetica
  • Notevoli sbalzi climatici 

Amenorrea ipotalamica

Tuttavia, esiste una terza tipologia di amenorrea, detta ipotalamica.

Si tratta di una condizione in cui si producono pochissime gonadotropine a livello ipotalamico.

Spesso, tale sindrome si manifesta come conseguenza ad uno stato di forte stress da parte della donna o alcuni disturbi legati alla personalità, tra cui:

  • Complessi di inferiorità
  • Senso di inadeguatezza 
  • Bisogno costante di affetto
  • Voglia di tenere tutto sotto controllo

Tali atteggiamenti ci riconducono ad un tipo di persona piena di insicurezze o che comunque fa grossi carichi di nervosismo. Ed ovviamente il fisico ne risente. 

Amenorrea sintomi

A questo punto ci si chiede: in che modo si manifesta l’amenorrea?
Non esiste una risposta universale, in quanto i disturbi possono variare a seconda del caso specifico.

Tuttavia, possiamo fare un elenco contenente i sintomi più diffusi, in termini di statistiche:

  • Disturbi alla vista
  • Dolore alla schiena e al seno
  • Mal di testa
  • Irsutismo (ossia la crescita dei peli sul viso)
  • Brufoli ed acne
  • Dolore nella zona pelvica;
  • Senso perenne di secchezza vaginale
  • Perdita notevole dei capelli
  • Galattorrea, ossia perdite anomale di latte dal seno
  • Improvvise vampate di calore
  • Sudorazione durante la notte
  • Grossi disturbi del sonno
  • Alterazione improvvisa del peso corporeo.

e tanto altro ancora…

Oligomenorrea cause

Anche per l’oligomenorrea, le cause possono essere tantissime.

Ecco le più note:

  • Alcuni disturbi alimentari (ad esempio anoressia, bulimia ecc)
  • Il diabete        
  • Un trauma psicologico
  • Dei disturbi della tiroide
  • La somministrazione di farmaci
  • La sindrome dell’ovaio policistico
  • Uno stato di forte stress

In ogni caso, se doveste constatare un’irregolarità del ciclo mestruale, è bene rivolgersi ad un medico. Così facendo, avrete modo di individuare nel dettaglio i fattori scatenanti ed allo stesso la terapia più idonea. 

Oligomenorrea sintomi

I sintomi dell’oligomenorrea sono molto simili a quelli dell’amenorrea.

Di conseguenza, la donna che ne risulta affetta, presenta:

  • Dolore al seno
  • Dolore nella zona dell’utero
  • Mal di testa
  • Irsutismo (ossia la crescita dei peli sul viso)
  • Brufoli ed acne
  • Dolore nella zona pelvica;
  • Senso perenne di secchezza vaginale
  • Perdita notevole dei capelli
  • Galattorrea, ossia perdite anomale di latte dal seno

Ma anche:

  • Improvvise vampate di calore
  • Sudorazione durante la notte
  • Grossi disturbi del sonno
  • Alterazione improvvisa del peso corporeo
  • Senso di gonfiore generale
  • Spossatezza

Oligomenorrea adolescenza

Il fenomeno dell’oligomenorrea è molto frequente nelle giovani adolescenti.

Stando a delle statistiche, almeno il 50% delle ragazze ne soffrono, durante i primi cicli mestruali, i quali risultano irregolari, brevi, lunghi o basati su piccole perdite.

Pertanto, all’inizio non bisogna affatto preoccuparsi. Se tale anomalia dovesse persistere nel corso degli anni, allora sarà preferibile effettuare un controllo ginecologico così da comprenderne al meglio le cause

Oligomenorrea rimedi naturali

In conclusione, è possibile affermare che le donne affette da oligomenorrea siano tantissime.

Essendo una problematica comune, sono stati effettuati diversi studi legati ai possibili trattamenti, volti all’ottenimento di una regolarità fisica.

Oltre alle soluzioni precedentemente citate, si può provare con una serie di metodi naturali. Essi non andranno minimamente ad intaccare negativamente l’organismo, anzi sollecitano la produzione degli ormoni ipofisari, allentano le tensioni muscolari, rilassano il sistema nervoso e di conseguenza, regolarizzano il ciclo mestruale.

Ecco alcuni esempi:

  • Salvia
  • Agnocasto
  • Camomilla
  • Angelica Sinesis
  • Rubus Idaeus

La loro efficacia non è appurata al 100% ma di certo contribuiscono notevolmente nel sbloccare la situazione di oligomenorrea ed amenorrea.

Infine, ricordiamo che per qualsiasi tipo di anomalia, è preferibile effettuare degli esami clinici e non assumere farmaci senza prescrizione medica. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.