CONDIVIDI

Chi di voi non ha ancora abbastanza chiara l’importanza delle fibre all’interno di una dieta bilanciata?

La ragione principale si chiama igroscopia, ovvero la capacità che hanno le fibre di trattenere l’acqua. La maggiore quantità d’acqua diluisce le sostanze tossiche presenti nell’intestino e accelera il loro passaggio, facendo in modo che non restino troppo a lungo in contatto con la parete intestinale, rischiando di danneggiarla. Le fibre permettono al nostro corpo di gestire in modo adeguato gli elementi dannosi ed ad espellerli il più velocemente possibile.

Una regolare assunzione di fibre quindi aiuta il nostro corpo a prevenire forme di cancro al colon e al retto. Ma non solo. Diversi studi dimostrano che si riduce anche l’incidenza e la mortalità a causa di malattie come diabete, infarto e ictus. Questi benefici sono assicurati quando assumiamo le fibre naturalmente presenti negli alimenti, laddove gli integratori di fibra non raggiungono gli stessi effetti.

Allora avanti, abbondate di cereali integrali, legumi, frutta e verdura!

I 5 cibi che aiutano la salute del nostro intestino:

– l’AVENA
È un cereale facilmente digeribile. Grazie al suo straordinario contenuto di fibre contribuisce al buon funzionamento dell’intestino;

– il KIWI
Oltre ad essere una vera e propria miniera di vitamina C, ha anche proprietà lassative. Questo frutto è ricco, infatti, di fibre molto utili per stimolare la motilità intestinale;

– la MELA
La fibra della mela è una sorta di fertilizzante per la flora intestinale. La pectina, un tipo di fibra presente soprattutto nella buccia del frutto, aiuta a risolvere i problemi di diarrea, poiché si trasforma in una specie di guaina lenitiva per le pareti irritate dell’intestino;

– lo YOGURT
Favorisce l’attività intestinale e mantiene sana e equilibrata la flora batterica. Il merito è dei fermenti lattici vivi di cui è ricco;

– la FRUTTA SECCA
Il consumo regolare di frutta secca contribuisce al raggiungimento del fabbisogno di fibra, che, oltre a ridurre l’assorbimento di zuccheri e grassi, funge da fertilizzante per la flora intestinale.

Al di là di questi 5 alimenti, è chiaro che un’alimentazione equilibrata e variegata è alla base della nostra salute.

I 5 cibi che aiutano il nostro #fegato a funzionare meglio:

– l’AGLIO
E’ in grado di attivare quegli enzimi che aiutano il corpo a liberarsi delle tossine. L’aglio ha, inoltre, elevati quantitativi di selenio e allicina, due sostanze naturali che contribuiscono alla depurazione del fegato;

– gli ASPARAGI
Oltre alle note funzioni diuretiche, studi recenti hanno dimostrato come gli asparagi siano un alimento utile alla protezione del fegato. Il loro consumo può offrire un ottimo contributo nel facilitare la depurazione del fegato;

– l‘OLIO EVO
L’ #olioevo (ovvero l’extra vergine d’oliva) insieme agli altri oli spremuti a freddo, come l’olio di semi di canapa e l’olio di semi di lino, sono considerati benefici per il fegato, se utilizzati con moderazione, in quanto possono apportare una base lipidica in grado di incorporare una parte delle tossine presenti nell’organismo;

– il #LIMONE
La vitamina C dei limoni aiuta l’organismo a sintetizzare i materiali tossici in sostanze che possano essere assorbite dall’acqua ed in seguito eliminate dall’organismo. Bere del succo fresco di limone al mattino aiuta a stimolare il fegato.
Di ciò ve ne parlerò meglio domani mattina… continuate a seguirmi!

– la #CURCUMA
Un’ottima spezia per la depurazione del fegato.
Può essere usata per condire le verdure e i legumi, aumentandone gli effetti benefici. La curcuma aiuta l’attività degli enzimi che contribuiscono all’eliminazione delle tossine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.