Quando il seno rifatto è brutto

Cicatrici in vista, un seno più grande dell’altro, più alto o più sceso, aumento esagerato: sono tanti gli errori che possono accompagnare un intervento di modifica del seno. I risultati, come potete vedere nella gallery, sono davvero bruttissimi.

Da qui l’importanza di affidarsi a mani esperte e riflettere a lungo prima di ricorrere alla chirurgia estetica.

Rifarsi il seno, infatti, pur essendo uno degli interventi più gettonati e maggiormente eseguiti dai chirurghi plastici, non è scevro di rischi. Ad esempio, spiegano gli esperti, possono verificarsi dei cedimenti dei tessuti quando la protesi utilizzata è troppo grande rispetto alla corporatura della paziente.

Un altro rischio della chirurgia al seno eccessiva è quello della “contrattura capsulare”: il nostro organismo produce un tessuto fibroso che isola la sostanza estranea inserita con l’intervento; se questo tessuto fibroso si restringe, la protesi (che è morbida) si indurisce e provoca dolore.

Gallery

[df-gallery url=”https://www.wdonna.it/gallery-item/seno-rifatto-male-foto”]

Com’è toccare un seno rifatto

Stando a delle statistiche, una donna italiana su venti è ricorsa alla chirurgia plastica per correggere gli zigomi, le labbra, i glutei ma soprattutto il seno.

Pensate che già 15 anni fa, in Italia si erano stimate ben più di 500 mila donne rifatte. In quel periodo ci fu un vero e proprio boom delle protesi, le quali vennero presentate come la soluzione ideale a tutte le donne che non si sentono belle e che vivono con disagio il fatto di non avere un seno prosperoso.

Fino ad ora si è quasi sempre parlato di ciò che provano le donne quando si rifanno il seno e come cambia la loro vita nell’ambito sentimentale. Ma ci siamo mai chiesti cosa prova un uomo nel toccare il seno rifatto?

A tal proposito, sono stati intervistati alcuni vip, mariti o compagni di donne dello spettacolo che hanno confermato di essere ricorse alla chirurgia estetica. E per la maggior parte di loro non fa alcuna differenza a livello tattile, anzi tendono a concentrarsi principalmente sulla questione estetica.

Di conseguenza, il seno rifatto risulta essere comunque attraente e regala alla donna quel tocco di sensualità in più.

Ad esempio, secondo l’imprenditore Matteo Cambi: “Rifatto o no, se un seno è bello mi dà delle emozioni assolutamente fantastiche. Anche dal punto di vista tattile”.

Il tutto viene confermato da Vittorio Sgarbi: “Un bel décolleté artificiale ha sicuramente maggior appeal di un mediocre seno naturale: è un piacere per tutti i sensi”.

E anche da Al Bano, il quale ha affermato: “Anche se non è solo frutto di madre natura, quando le curve sono giuste non ti fai domande: vai. Il piacere è del tutto naturale. E meravigliose le sensazioni che ne derivano”.

Seno rifatto errori

Ma se da una parte il seno rifatto viene venerato, dall’altra presenta una serie di possibili complicanze.

Ovviamente, rivolgendosi ad una persona esperta nel settore, non si dovrebbe avere alcun tipo di problema ma quando ci si mette nelle mani della prima persona che ci capita, soltanto per sentito dire o perché ci consente di risparmiare qualcosa sull’intervento, il seno rifatto presenterà alcuni errori che bisognerà correggere, onde evitare spiacevoli conseguenze estetiche e a volte anche psicologiche e salutari.

Ma quali sono gli errori di un seno rifatto?

Tra i più comuni troviamo: la tasca protesi seno sbagliata, il wrinkling seno e il doppio solco mammario, detto anche effetto double bubble. Scopriamoli insieme nel dettaglio!

Tasca protesi seno sbagliata

Cercando sul web tale dicitura, si ha modo di imbattersi in una serie di foto con esempi di tasca protesi inserite in malo modo.

A livello estetico, sono alquanto inaccettabili. Tra gli errori più frequenti troviamo:

  • Sproporzione tra poli inferiori e superiori delle mammelle
  • Manovre chirurgiche sbagliate 
  • Erronea pianificazione dell’intervento
  • Protesi inadeguate con tasca chirurgica mal confezionata
  • Fissaggio del tutto sbagliato

Quando ci si accorge di rientrare in una delle caratteristiche appena citate, bisogna correre ai ripari il prima possibile.

Wrinkling seno

A seguito di una mastoplastica additiva, uno degli errori che può verificarsi è il wrinkling.

Come suggerisce il termine di origine inglese, si fa riferimento all’apparizione di una serie di rughe, solitamente localizzate ai lati delle mammelle. Le cause possono essere svariate, come ad esempio:

  • Lo scarso tessuto di rivestimento della protesi
  • Il gel poco coesivo
  • La protesi mal posizionata
  • Una sproporzione tra la protesi e la tasca chirurgica

Per poter rimediare a tale errore, sarà necessario effettuare un nuovo intervento chirurgico, andando così a rimuovere la vecchia protesi. A livello estetico, un seno affetto da wrinkling si nota subito.

Doppio solco mammario

Il doppio solco mammario, rientra perfettamente nella categoria degli errori da seno rifatto.

Noto come effetto double bubble, esso fa riferimento all’impianto delle protesi mammarie nella zona retro muscolare. Si verifica a seguito di due condizioni particolari:

  • L’insufficiente separazione del muscolo pettorale da altri elementi limitrofi, quali il margine sternale
  • La presenza di tessuti deboli, incapaci di reggere il peso delle protesi, andando a generare una recidiva. 

Di conseguenza, si ha un vero e proprio cedimento della mammella nella parte inferiore del solco mammario ma allo stesso tempo la protesi resta nella sua posizione iniziale. Viaggiando in maniera inversamente proporzionale, si crea un doppio solco, dando così vita all’effetto double bubble.

Il seno diventa esteticamente inaccettabile, portando così la donna in un senso di forte sconforto. I danni psicologici causati da doppio solco mammario non sono affatto da sottovalutare, portando così molte di loro in una condizione di forte depressione.

Ma come gran parte degli errori da seno rifatto, si può porre rimedio. Basta semplicemente effettuare una revisione chirurgica, volta ad una ricomposizione del muscolo gran pettorale, così da far scendere verso il basso la protesi per stabilire un equilibrio tra i vari elementi. 

Seno rifatto: altri errori

La tasca protesi seno sbagliata, il wrinkling e il doppio solco mammario sono soltanto alcuni degli errori che possono verificarsi a seguito di una mastoplastica additiva.

Tuttavia, nel caso in cui non ci si dovesse affidare ad un chirurgo con molta esperienza nel settore, ci si espone ad una marea di problematiche. 

Ad esempio, una protesi seno più alta, non solo causerà un’asimmetria ma aumenterà il rischio di raccolta siero ematica. Bisogna stare molto attenti e non sottovalutare la questione, altrimenti la nostra salute potrebbe risentirne.

È fondamentale intervenire prontamente, prima che si scatenino irregolarità nel nostro corpo, che possono dar vita ad infezioni o infiammazioni che a lungo andare necessiteranno di cure farmacologiche o addirittura chirurgiche. 

Seno rifatto forum

Vista la numerosa presenza di donne che hanno deciso di sottoporsi alla chirurgia estetica per rifare il seno, il mondo del web ha creato degli spazi appositi.

Stiamo ovviamente parlando dei forum, ossia dei siti dove basta iscriversi inserendo l’username e la password, per poter dialogare con gente nuova ma che potrebbe avere i nostri stessi dubbi in merito all’intervento, all’affidabilità di un determinato chirurgo ma soprattutto alle anomalie e agli errori post operazione.

Si può anche accedere senza dover per forza partecipare attivamente ad una discussione: l’obiettivo dei forum, è quello di non far sentire le persone dei pesci fuor d’acqua (in questo caso le donne con il seno rifatto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.