Capelli rovinati: consigli e rimedi

Non sempre è possibile avere capelli sani e lucenti, sono infatti molteplici i fattori che possono danneggiarli, rendendoli secchi e sfibrati. Agenti atmosferici, lavaggi troppo frequenti, trattamenti aggressivi, detergenti non adatti alla natura del capello, ma anche stress, squilibri ormonali, patologie (ipotiroidismo, anemia, anoressia) e un’alimentazione scorretta possono incidere negativamente sulla salute della nostra chioma.

Cosa fare? I rimedi cambiano ovviamente a seconda della causa. Prima di tutto, bisogna escludere l’eventuale presenza di patologie che hanno bisogno di una cura specifica. Se la condizione dei capelli è invece legata a fattori esterni, è necessario apportare alcune modifiche alle nostre abitudini.

Il desiderio di avere una chioma sempre perfettamente pulita ci porta a effettuare lavaggi frequenti, ma una tale abitudine è causa di forte stress per i capelli, per questo motivo sarebbe meglio ridurre i lavaggi a due volte a settimana, tre se si hanno i capelli particolarmente grassi. È altrettanto importante la scelta dello shampoo e del balsamo: cercate di acquistare prodotti a base di ingredienti vegetali e adatti alla vostra chioma.

Non esagerate nella quantità da utilizzare e prestate attenzione anche alla temperatura dell’acqua: non deve essere troppo calda, meglio tiepida.

Cercate di limitare l’utilizzo di piastre, arricciacapelli e non posizionate il phon a una distanza eccessivamente ridotta, anzi, con l’arrivo dell’estate sarebbe meglio lasciar asciugare i capelli al naturale.

Anche la tinta e gli altri trattamenti estetici possono danneggiare la struttura dei capelli, dovrebbero quindi essere ridotti al minimo indispensabile. Ma attenzione, ciò non significa non recarsi dal parrucchiere: i capelli hanno bisogno di essere tagliati almeno ogni tre mesi, in modo tale da eliminare le doppie punte e le parti sfibrate.

Quando andate al mare non pensate solo alla pelle: anche i capelli devono essere protetti dal sole, dal vento e dalla salsedine. In commercio esistono prodotti appositi.

Un altro aiuto può venire dagli integratori alimentari, in particolare olio di lino, vitamina E e del gruppo B, frutta secca, minerali come ferro, rame, selenio e zinco; e dai prodotti naturali, come  burro di Karitè, olio di cocco, olio di jojoba e olio di Argan.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.