Informazioni sulla candida

La candida, nota anche come candidosi o candidiasi, è un disturbo piuttosto diffuso nel mondo femminile: 2/3 delle donne in età fertile è stata colpita da tale patologia almeno una volta nella vita. Si tratta di un’infezione causata principalmente dalla candida albicans, un fungo saprofita presente normalmente nelle mucose genitali e nel cavo orale. In particolari circostanze, come deficit immunologico, uso di antibiotici o della pillola contraccettiva, diabete, la candida può aumentare notevolmente e in maniera rapida, causando fastidi e irritazione delle mucose. Quando essa provoca un’infezione vaginale viene definita candidosi vulvovaginale.

Cause

La candida si trasmette per via sessuale, ma può sorgere anche in maniera spontanea. Come abbiamo anticipato, infatti, essa è presente in piccole quantità nel nostro organismo ed è regolamentata dal sistema immunitario e da alcuni batteri buoni. La patologia si manifesta quando la candida presente nel corpo aumenta in maniera anomala e provoca un’infezione. Ciò si può verificare in legame a un deficit immunitario dovuto, ad esempio, all’uso prolungato di antibiotici, contraccettivi orali, estrogeni o corticosteroidi.

La proliferazione della candida può essere legata anche ad altri fattori:

  • Glicemia alta: le donne affette da diabete sono maggiormente a rischio.
  • Gravidanza: ma non è pericolosa per il proseguo della gestazione.
  • Biancheria: la candida tende a crescere in ambienti caldi e umidi, per cui la biancheria troppo stretta o di tessuto non traspirante come il nylon può favorire il sorgere dell’infezione.
  • Sviluppo e pubertà: i cambiamenti ormonali possono aumentare il rischio di candidosi. A volte può verificarsi poco prima dell’arrivo del primo ciclo mestruale.

Anche la biancheria e gli asciugamani utilizzati da persone infette possono diventare veicolo dell’infezione.

candida-

Sintomi

I più comuni nella donna sono: arrossamento, bruciore, prurito, perdite biancastre e lattiginose più o meno abbondanti, dolore durante la minzione e i rapporti sessuali. Nell’uomo, invece, la candida si presenta con un’infiammazione evidente sulla pelle del pene, dove si possono manifestare delle piccole piaghe e rossore. A questi sintomi si aggiungono: bruciore, prurito, perdite biancastre e formazione di materia grumosa giallastra intorno al prepuzio (raramente).

Diagnosi e cura

È necessario recarsi da un medico o dal ginecologo, lui provvederà a prelevare un campione di urina o di fluidi vaginali. I sintomi legati alla candida possono essere ricondotti anche ad altre patologie, per questo motivo sono necessarie specifiche analisi che permettano di individuare il problema e prescrivere la cura più adatta.

La terapia prevede solitamente l’utilizzo di compresse, ovuli, creme o lavande. I sintomi tendono generalmente a scomparire in pochi giorni e l’infezione nel giro di una settimana. Bisogna però sottolineare che la terapia non elimina il fungo ma blocca la proliferazione, dando il tempo al sistema immunitario di eliminarlo; è quindi possibile che si ripresenti dopo l’interruzione della terapia.

Prevenzione

È possibile evitare la comparsa della candidosi seguendo alcuni semplici accorgimenti. È importante scegliere i detergenti intimi adatti: devono essere acidi, privi di profumazioni e non aggressivi. Attenzione anche ai detersivi per il bucato e ai bagnoschiuma: possono causare irritazioni e favorire la comparsa della candidosi.

Può inoltre essere utile indossare biancheria di cotone ed evitare capi in nylon o eccessivamente attillati. Se praticate nuoto o sport con abiti molto stretti, sostituite velocemente gli indumenti bagnati o sudati con altri asciutti.

Infine, occhio all’alimentazione: limitate l’assunzione di zuccheri, latte e derivati, alcol e bibite gassate, in favore di frutta, verdura, yogurt e fermenti lattici.

candida dieta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.