CONDIVIDI

Regolo ostetrico informazioni

Il Regolo Ostetrico, chiamato comunemente “ruzzola” o “rotella”, è uno strumento utilizzato da ostetriche e personale sanitario per calcolare la data presunta del parto e le specifiche settimane di gestazione, in modo tale da poter individuare i momenti giusti per la prenotazione ed esecuzione di esami, come le ecografie. Oltre ad essere in dotazione al personale sanitario, molti negozi specializzati in prodotti per la gravidanza e per l’infanzia lo danno in regalo alle future mamme.

Com’è fatto il regolo ostetrico

Il regolo ostetrico è costituito da due dischi, uno più piccolo e uno più grande, sovrapposti al centro. Può essere fatto di cartone o di plastica. Nel disco esterno sono riportati tutti i giorni dell’anno, divisi per mese; in quello interno, invece, si trovano le settimane di gravidanza e, spesso, alcune note relative ad esse, come l’inizio dei movimenti del feto, periodo in cui è più alto il rischio di aborto, quando eseguire gli esami previsti in gravidanza.

Come si usa il regolo ostetrico

Tenendo fermo il disco più grande, si fa ruotare quello interno fino a portare la prima freccia sul giorno di inizio dell’ultimo ciclo mestruale. Una volta posizionata la freccia su tale data, avrete una chiara visione della gravidanza, con la giusta collocazione delle settimane e dei vari momenti che compongono la gestazione.

Perché si utilizza il regolo ostetrico

L’importanza di questo strumento è dovuto al fatto che la gravidanza non dura 9 mesi esatti, bensì 40 settimane dall’inizio dell’ultima mestruazione, e la data del parto che viene individuata è solo presunta, infatti, una normale gravidanza può concludersi tre settimane prima o due dopo tale data. Questa variabilità rende necessario sapere con esattezza il periodo e la settimana di gestazione in cui ci si trova.

regolo ostetrico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.