CONDIVIDI

Gastrite psicosomatica

Il bruciore di stomaco, definizione comune per indicare la gastrite, è dovuto all’infiammazione della mucosa gastrica, ovvero la parete interna dello stomaco che va a contatto con i cibi. Può dipendere da vari fattori, infatti, esistono diverse tipologie di gastriti, ma frequentemente è di natura psicosomatica.

Il bruciore tipico della gastrite viene spesso descritto da chi lo prova come una fiamma che divampa dentro di noi, sintomi di un disagio che stiamo vivendo. La gastrite è come una voce che ci dice che qualcosa non va.

I diversi sintomi della gastrite sono collegati a specifici significati simbolici.

Gastrite: sintomi e significati

Dolore “a tenaglia”: è indice di qualcosa che ci attanaglia, una situazione che ci soffoca e ci provoca stress.

Fuoco che divampa: il bruciore può indicare un’emozione trattenuta, come una forte rabbia che vorrebbe scoppiare e che invece rimane bloccata dentro.

Nausea: ci racconta che qualcosa nella nostra vita non ci piace, anzi, ci fa proprio schifo. Se non riusciamo a cambiare la situazione, il disgusto si accumula nel nostro organismo, causando una gastrite caratterizzata da continue eruttazioni.

La gastrite può essere la diretta conseguenza della repressione di atteggiamenti aggressivi. L’aggressività inespressa viene indirizzata verso lo stomaco.

Anche una situazione di tensione in famiglia, magari dovuta a una madre troppo presente o alle aspettative dei genitori, può provocare la gastrite. Pensate, ad esempio, al momento in cui si è seduti a tavola. In un clima così poco piacevole, il cibo assumerà una valenza negativa, finendo per risultare indigesto, proprio come la situazione familiare.

gastrite

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.