Bossetti interrogato in carcere

Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio, è stato interrogato in carcere per tre ore. Finora si era avvalso della facoltà di non rispondere.

I suoi avvocati, Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni, hanno fatto sapere che chiederanno di ripetere il test del Dna “Un’indagine pazzesca, che non possiamo credere di poter smontare in una settimana”, il commento di Salvagni al termine dell’interrogatorio.

Sul contenuto di quelle tre ore è stato posto il segreto d’ufficio, ma i legali di Bossetti hanno rivelato che al loro assistito sono state rivolte domande riguardanti il suo stile di vita, le sue frequentazioni, come quella del centro estetico in cui andava a farsi le lampade, l’uso del cellulare che agganciò la cella di Mapello in un orario compatibile con il rapimento della ragazza.

Gli avvocati fanno sapere che Bossetti ha risposto a tutte le domande.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.