CONDIVIDI

Bianca Maria Berlinguer è una nota giornalista e conduttrice televisiva, figlia di Enrico Berlinguer, leader del Partito Comunista Italiano. La sua vita, è sempre stata ricca di grandi soddisfazioni dal punto di vista lavorativo.

Scopriamola nel dettaglio!

Bianca Berlinguer quanti anni ha

Bianca Berlinguer è nata a Roma il 9 dicembre del 1959. Dopo la sua laurea in lettere, ha seguito del praticantato da Radiocorriere TV, una rivista settimanale ufficiale della Rai.

Successivamente, negli anni ’80, Bianca ha iniziato ad affermarsi presso lo storico quotidiano nazionale “Il Messaggero“. Qui viene notata per le sue doti di giornalista e nel 1985 svolge il ruolo di redattrice per Mixer, un rotocalco settimanale dedicato principalmente aa politica, alla cultura e allo spettacolo.

Queste esperienze hanno reso la Berlinguer sempre più popolare, a prescindere dal fatto che fosse la figlia del leader comunista. Così, inizia a lavorare in maniera stabile, nella redazione del tg3.

Bianca Berlinguer e tg3

Durante gli inizi degli anni ’90, Bianca mette le sue radici su Rai3, diventando protagonista del TG serale fino al 2016. Inoltre, sempre per lo stesso emittente, si è dedicata alla conduzione di Primo piano, ossia una rubrica di approfondimento legata alla testata giornalistica.

In seguito al 2016 (anno in cui ha abbandonato la redazione del tg3), ha presentato il programma “Cartabianca” e ha pubblicato il suo primo libro, intitolato “Storia di Marcella che fu Marcello“. 

Bianca Berlinguer e Minoli

La conduzione della Berlinguer a Mixer, avvenne grazie al noto giornalista Giovanni Minoli.

In una recente intervista al programma “Vieni da me”, lei stessa ha dichiarato che proprio tramite quest’uomo ha avuto la possibilità di fare gavetta. E non è stata affatto una passeggiata, in quanto Minoli era abbastanza severo, poiché pretendeva un lavoro di altissimo livello (com’è giusto che sia). Ecco alcune sue parole in merito:

“Con Minoli ho fatto la vera gavetta. Quando ho deciso di fare la giornalista non pensavo di fare la televisione. Poi, nel 1985, ho conosciuto Minoli che cercava quattro ragazzi giovani per la sua redazione. Ho cominciato a lavorare con lui e la gavetta fatta è stata un grande privilegio perché ho conosciuto i dettagli della televisione. Come tutti i capi era piuttosto severo”.

Bianca Berlinguer e Matteo Renzi

Come vi abbiamo già accennato in precedenza, nel 2016, Bianca Berlinguer ha dovuto abbandonare la redazione del tg3. I motivi che si celano dietro questa decisione hanno a che fare con la politica ed in particolar modo con Matteo Renzi.

Infatti, al programma Politics, i due ebbero un confronto abbastanza acceso che scaturì l’ira del politico e che a sua volta portò ad una serie di polemiche.

Questo fatto, unito ad altre questioni, ha portato la Berlinguer ad abbandonare quel posto che teneva stretto a sé da ben 25 anni e fu rimpiazzata da Luca Mazzà. E a proposito dell’abbandono, in un’intervista a La7 ha dichiarato:

“Quando ho assunto la direzione del Tg3 dissi in un editoriale che avrei voluto un Tg3 corsaro e evidentemente questo non poteva piacere a tutti. Negli ultimi tempi non sono mancate pressioni sgraziate e attacchi sguaiati da settori importanti delle classi politiche, ma il Tg3 non ha perso la sua identità e gli auguro di rimanere saggio e irriverente come è sempre stato”.

Bianca Berlinguer : padre e figli

Enrico Berlinguer, padre di Bianca, non ha certamente avuto una vita semplice, per via delle sue prese di posizione politiche.

In qualità di leader comunista, ha dovuto lottare contro una serie di problematiche, specialmente nel periodo in cui “regnava” il terrorismo. Tutti questi impegni, lo hanno spesso portato a dover stare lontano dalla sua famiglia e a non potersi dedicare a Bianca ogni singolo giorno.

Tuttavia, Bianca Berlinguer, ha dichiarato di aver avuto un rapporto speciale con suo padre. Pur non essendo fisicamente presente in maniera costante a causa di impegni lavorativi, ha sempre cercato di trasmettere i propri valori e di essere un padre amorevole.

In più interviste, lei stessa ha fatto più omaggi ad Enrico, ritraendolo come una persona davvero unica. Ecco alcune sue parole in merito:

E’ stato un uomo molto impegnato e dedito alla causa della politica, ma noi sapevamo che dopo c’eravamo noi. Io non ho visto i padri delle mie amiche dedicare più tempo rispetto a quello che lui ha dedicato alla sua famiglia anche se te ne rendi conto da adulta. Cercava di essere presente come poteva. Erano gli anni del terrorismo e non poteva fare un passo senza la sua scorta.

Polemiche su Bianca Berlinguer

Il fatto che Bianca fosse figlia di un personaggio politico così importante, non è di certo passato inosservato.

Ci sono state diverse polemiche in merito, che hanno spesso definito la giornalista come una persona raccomandata.

Sicuramente, il cognome le avrà dato quella marcia in più, ma la Berlinguer ha ammesso di aver affrontato una serie di difficoltà e che nulla le è stato dato in maniera scontata. Ha dovuto lavorarci su, fare una gavetta ed impegnarsi tantissimo, per poter raggiungere la popolarità (in termini di carriera).

A tal proposito, durante il programma “Io e te di notte”, condotto da Pierluigi Diaco su Rai1, ha detto così:

Ho avuto da una parte le difficoltà che tutti abbiamo nel trovare una nostra identità specifica, a cui non si sovrapponga quella dei tuoi genitori. Solo che gli altri fanno questo lavoro di ricerca di una propria identità senza che si sappia, io ero esposta. Peso? No, il contrario. Il nome di Enrico Berlinguer suscita ancora oggi amore, rispetto, rimpianto. Ho goduto e godo di un affetto grande, che da lui si è trasferito a me e ai miei fratelli!”.

Bianca Berlinguer figlia

Bianca Berlinguer ha una sola figlia, (nata nel 1998) e rappresenta per lei la persona più importante in assoluto. Nell’intervista per Diva e Donna, ha dichiarato che non si somigliano molto:

“Giulia è mia figlia, ha quasi 21 anni e non direi che mi somigli. È sempre stata molto brava nelle materie scientifiche, studia Economia… Io matematica zero!”

L’unico dispiacere che ha Bianca, in qualità di mamma, è quello di non aver avuto la possibilità di dare a Giulia un fratello o una sorella. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.