“Sconto” per Berlusconi

36 milioni in meno: è quanto deciso dai giudici della Corte d’appello civile di Milano in merito all’assegno mensile che Silvio Berlusconi deve versare all’ex moglie Veronica Lario.

I giudici d’appello (presidente Bianca La Monica, relatore Francesco Serra, giudice Maria Cristina Canziani) hanno ritenuto eccessiva la somma stabilita un anno fa dal Tribunale. Da tre milioni al mese si è scesi così a due: non più 108 milioni in tre anni, ma 72.

Nel dicembre del 2012, il Tribunale civile di Milano le assegnò un compenso mensile di 3 milioni di euro, 36 milioni l’anno, pari a 100.000 euro al giorno, a decorrere dalla rottura dell’unione nel maggio 2010.

Berlusconi face appello a questa sentenza attraverso i suoi legali Ippolita Ghedini, Cristina Rossello, Paolo e Pierfilippo Giuggioli. E in questi giorni è arrivata la risposta dei giudici.

La riduzione della somma è legata all’esclusione del valore economico della permanenza nella villa di Macherio dove erano cresciuti i tre figli avuti da Berlusconi (Barbara, Eleonora e Luigi), precedentemente incluso nell’assegno. Decisione dovuta al fatto che nessuno dei tre figli vive più lì.

E dato che la signora Lario vi ha vissuto fino a settembre 2010, come documentato da Berlusconi nel suo ricorso, hanno spostato da maggio a settembre 2010 la decorrenza dell’assegno mensile.

Non si esclude che l’ex moglie di Berlusconi decida di ricorrere alla Cassazione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.