Gli agretti, conosciuti anche come “barba del prete”, sono una verdura tipica della stagione primaverile ed offrono ottime proprietà nutrizionali.

Sono ricchissimi di acqua e aiutano il nostro corpo a rimanere idratato e a depurarsi.

 Sono ricchi di vitamine A e B e di sali minerali tra cui potassio, calcio, magnesio e ferro (utile mangiarli anche in caso di anemia).
 Sono ricchi di fibre e di conseguenza stimolano le funzioni intestinali e hanno un discreto effetto lassativo.

 Come cucinare gli agretti?

Appena acquistati, lava gli agretti a lungo sotto l’acqua fredda, mondali della piccola radice e consumali in breve tempo per beneficiare a pieno del contenuto antiossidante dei loro micronutrienti.

Gli agretti si cuociono a vapore oppure si sbollentano in acqua per un paio di minuti, quindi si passano sotto l’acqua fredda per alcuni secondi così da mantenere il loro colore verde brillante e la consistenza croccante.
Dopo la cottura si condiscono con olio, sale e succo di limone o aceto, in alternativa, è possibile saltarli in padella con aglio e olio oppure utilizzarli per una frittata o altre diverse ricette.

Agretti  proprietà e ricette

Se sono molto molli, anche se di colore ancora brillante, vuol dire che non sono più freschi, quindi è meglio non comprarli.

Conservate l’ortaggio in un luogo fresco e asciutto. Va consumato entro quattro giorni dall’acquisto

. Questa verdura non è adatta per essere congelata.
La barba di frate è una fonte ottima di vitamina C e contiene vitamina A, calcio e fosforo. Ha pochissime calorie oltre a tanta fibra insolubile. Alimento adatto nelle diete dimagranti e nei regimi depurativi. Viene consigliata nell’alimentazione dei diabetici e di chi ha il colesterolo alto.
Il suo sapore è gradevole e leggermente acidulo, può essere consumata cotta, in insalata condita semplicemente con olio e limone oppure saltata in padella con dadini di prosciutto cotto o pancetta.

A qualcuno piace anche cruda, io la mangio solo cotta.
Prima di cuocerla bisogna pulirla molto bene perché normalmente ha molto terriccio, una volta eliminata la parte terminale delle foglie e la radice è necessario lavarla accuratamente, lasciandola un po’ a bagno nell’acqua con un cucchiaino di bicarbonato.
Scritto da Clelia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.