Prima infanzia e memoria

È nella prima infanzia che la memoria deve essere stimolata. Questa fase è infatti di fondamentale importanza per la crescita del cervello. Quella tra i due e i quattro anni è la fascia d’età più delicata per ciò che concerne la memoria, all’interno della quale avviene lo sviluppo iniziale. Da qui l’importanza di stimolare e attivare il cervello anche prima della scuola materna, o si rischia che non sviluppi appieno le sue funzioni di memoria e apprendimento. A dirlo è un recente studio pubblicato su Nature Neuroscience.

Paradossalmente, l’età in cui il cervello di un bambino impara a ricordare è proprio quello di cui non serbiamo memoria. Ciò è dovuto alla cosiddetta “amnesia dell’infanzia”, ed è propria sia degli uomini che degli animali. Tra i due e i quattro anni gli episodi vissuti vengono dimenticati in fretta.

“Nella prima fase della vita – spiega Cristina Alberini, coordinatrice della ricerca e professoressa al Center for Neural Science della New York University – anche se il cervello non riesce a formare ricordi a lungo termine in maniera efficiente, è impegnato a imparare come farlo. Per riuscirci, ha bisogno di essere stimolato tramite l’apprendimento, in modo che si eserciti in continuazione. Senza questa pratica, la capacità di imparare dei sistemi neurologici finirà con l’essere ridotta.”

Libri illustrati, racconti, filastrocche, luoghi, volti nuovi, sono i principali ingredienti per favorire l’allenamento del cervello dei bimbi. Bandita la televisione.

Vari test hanno dimostrato che entro i tre anni l’ippocampo funziona già a pieno ritmo, una sorta di età dell’oro della memoria. “In queste finestre – spiegano i ricercatori – la maturazione del sistema nervoso è guidata dagli stimoli ambientali. E quindi i fenomeni di plasticità neurale sono ai massimi livelli.” Ergo, se non stimolato a dovere, potrebbero sopraggiungere delle problematiche nella formazione di ricordi stabili e duraturi.

memoria-bambini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.