CONDIVIDI
Circondarsi di persone snelle influisce sulla psiche

Quante volte vi siete posti l’obiettivo di dimagrire, ottenendo scarsi risultati? Proprio recentemente è stato scoperto un metodo che vi garantisce di perdere peso in maniera definitiva, ossia circondarsi di amici magri.

Niente diete fai da te, rinunce che vi fanno star male o rigidi regimi alimentari: rapportarsi quotidianamente con gente snella, influirà notevolmente sulla vostra psiche, inducendovi così a ridurre le quantità di cibo. Specialmente se queste amicizie dovessero essere coltivate in maniera costante: pensate a quando si va a cena insieme e arriva il momento di scegliere cosa ordinare. A furia di sentire gli altri che optano per cibi sani o dietetici, aumenterebbe in voi la probabilità di adattarvi alla situazione.

Il condizionamento

E poi tra l’altro si sa, il condizionamento è un concetto che ha solide fondamenta sin dai primi decenni del XX secolo, quando era stata “scoperta” da poco la psicologia. Dopo aver effettuato diversi studi sugli animali (basti pensare a Pavlov e al concetto di riflesso incondizionato) si è giunti alla conclusione che anche l’uomo può farsi suggestionare dalla realtà circostante, sia in maniera conscia che inconscia. Come mai? Le ipotesi sono davvero tante.

Ma se si dovesse far riferimento al dimagrimento indotto dalla presenza di amici snelli, beh, possiamo affermare che la paura di non essere accettati gioca un ruolo fondamentale. Alcuni penseranno di essere invincibili e stare bene anche in solitaria ma la realtà è diversa. Si scatena inconsciamente il seguente pensiero: “mangiare l’impossibile e avere una conformazione fisica diversa da tutti mi farebbe sentire diverso, verrei forse deriso e chissà magari allontanato. Non sarei più stimato, solo perché non sono snello”.

Pertanto, stando a delle statistiche, sono davvero pochi gli individui che riescono a rimanere quasi impassibili nei confronti di ciò che li circonda. Tra l’altro, l’esempio è basato su persone che vorrebbero dimagrire: gran parte di esse presenta una fragilità mentale, generalmente nota come insicurezza.

Cosa dicono gli esperti

Ma cosa ne pensano i medici di questa teoria prettamente psicologica?       
Secondo gli esperti di “Dottoremaeveroche” (il portale della Federazione Nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri), può essere davvero un’ottima strategia. Ecco alcune loro parole:

“La questione dell’obesità contagiosa è stata studiata in modo molto rigoroso. Se ne sono occupati medici statunitensi famosi per la qualità e il rigore delle loro ricerche, che sono partiti dai dati raccolti in uno studio epidemiologico avviato nel 1948 in una cittadina americana vicino Boston. E’ stato constatato che Rispetto alle persone snelle, quelle obese hanno maggiori probabilità di avere amici, amici di amici e amici di amici di amici ugualmente obesi”.

Condizionamento inverso

Dunque ciò ci fa ben intendere che il processo di condizionamento è valido anche inversamente. E allo stesso tempo, una persona magra, inserita in un contesto dove sono presenti soltanto soggetti in sovrappeso, potrebbe a lungo andare, mettere su qualche kg. Sia perché non pensa più alla linea in maniera ossessiva, sia perché cambia le proprie abitudini alimentari (in questo caso in peggio) oppure perché crede che essere obeso equivalga (in quella situazione) ad essere accettato e non sentirsi un pesce fuori d’acqua.

Inoltre, gli esperti aggiungono che bisognerebbe meditare sulla questione e di trarre ispirazione, chiaramente non dalla linea che conduce all’obesità ma all’avere amici snelli per modificare positivamente le proprie abitudini quotidiane. E dicono: “Pensiamo ad esempio che il successo di interventi che puntano ad aiutare una persona obesa a dimagrire non solo possono avere effetto su di lui o di lei, ma anche sul suo compagno o compagna di vita: moglie o marito, insomma”.

Beh, il loro ragionamento non fa una piega. Stesso discorso vale anche per le scelte legate alle attività sportive: circondarsi di persone che vanno in palestra e si prendono cura di sé, incide decisamente. Che ne pensate?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.