CONDIVIDI

I ricercatori tedeschi hanno scoperto tracce di arsenico in centinaia di campioni di birra testati.

La colpa sarebbe della filtrazione a terra di diatomee.

Una tecnica di depurazione dell’acqua inquinata che consiste nel passaggio delle acque reflue attraverso un filtro costituito da uno strato di terra di scheletri fossilizzati silicei di organismi marini microscopici.

Il fatto però è che la roccia sedimentaria contiene ferro, metalli e arsenico.

Nei campioni analizzati dagli esperti del TUM (Technische Universitat Munchen) in uno studio presentato al 245esimo meeting dell’American Chemical Society, sono stati trovati livelli di arsenico fino a a due volte superiori della quantità consentita nell’acqua potabile.

Vicenda anomala visto che  Germania ha i più alti standard internazionali per la birra, regolamentati da una severa legge.

La norma prevede  un’attenta valutazione degli ingredienti: acqua, luppolo e malto.

I chimici  hanno attentamente valutato, trovando alte concentrazioni di arsenico presente nella terra di diatomee in ben 360 birre. “Siamo giunti alla concusione che la farina fossile è una significativa fonte di contaminazione da arsenico della birra.

Tuttavia i livelli  risultanti sono solo lievemente elevati ed è improbabile che chi beva le birre prodotte con questa tecnica diffusa si ammali” ha spiegato  Mehmet Coelhan, autore della ricerca.

Birra

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.