CONDIVIDI

E’ successo ad Arezzo e al termine di una lite furiosa un giovane di 18 anni ha impugnato il fucile e ha ucciso il padre. 

Diciottenne uccide il padre a fucilate

Il fatto è avvenuto attorno alla mezzanotte, tra domenica e lunedì a Lucignano in provincia di Arezzo. La vittima è Raffaele Ciriello era un fabbro e aveva 51 anni. Le incomprensione tra i due, anche a seguito della separazione, potrebbero essere la causa scatenante.

La telefonata ai carabinieri e le prime indagini

Il giovane, subito dopo il fatto, ha chiamato i carabinieri per autodenunciarsi. Dalle prime ricostruzioni Ciriello sarebbe stato ucciso con una doppietta regolarmente detenuta in casa. In particolare si tratterebbe di un fucile da caccia caricato a pallettoni per cinghiale.

Subito dopo la telefonata del giovane sul posto è intervenuto anche il 118, ma i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. 

Dalle prime ricostruzioni dei fatti sembrerebbe che l’impeto sia la causa scatenante del fatto. Attualmente però i carabinieri intervenuti sul posto e guidati dal sostituto procuratore Laura Taddei, non tralasciano nessuna ipotesi. I motivi che hanno portato alla discussione violenta e poi all’omicidio, infatti, sono tutti ancora da chiarire.

Il giovane avrebbe atteso in casa il padre e non appena l’uomo è salito per entrare in casa, il figlio avrebbe aperto il fuoco mirando direttamente al volto dell’uomo. La lite furiosa tra padre e figlio sarebbe avvenuta nelle ore precedenti.

Risveglio sotto choc

Il paese dell’aretino si è svegliato sotto choc a causa della notizia dell’omicidio. Il giovane aveva studiato all’Istituto Fossombroni di Arezzo prima di decidere di andare a lavorare con il padre. La salma dell’uomo, originario di Avellino è stata trasportata all’obitorio del San Donato, mentre il giovane è stato portato in caserma a Cortona. Si attende per le prossime ore il trasferimento in carcere ad Arezzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.