L’intervista del senatore del Pdl a Radio2

 

Le dichiarazioni di Antonio Razzi, senatore del Pdl, daranno sicuramente nuova linfa al dibattito sugli stipendi dei parlamentari. Intervistato dal programma di Radio2 “Un giorno da pecora”, ha parlato della sua situazione economica “Guadagno circa 12 mila euro al mese, ho fatto sette legislature e mezzo, ma di soldi non mi ritrovo niente. La gente deve sapere che i nostri collaboratori li paghiamo col nostro stipendio. Io ne ho due che prendono circa 1500 euro al mese ciascuno.”

Togliendo quei 3 mila euro, gli hanno fatto notare i conduttori del programma radiofonico, ne restano ben nove “Eh, ma ci sono tante spese di rappresentanza, di riunione. Di quei 9 mila euro non so quanto mi resta, ma l’importante è che ci riesca a vivere. A Roma la vita costa cara, gli alberghi non costano meno di 200 euro. Io devo dire che sono sempre stato in un albergo alla mano, che costava 70 o 80 euro. Non prendo in affitto un appartamento, perché l’ultima volta mi è costato 2 mila euro al mese. E così non mi rimane più niente.”

Razzi si è poi lanciato in una dichiarazione di eterna fedeltà a Silvio Berlusconi “Io non sono né falco, né colomba del Pdl, ma solo proprietà di Berlusconi. Quello che lui mi dice io faccio, anche buttarmi sotto un treno. Ma per salvare l’Italia ovviamente. E sarei anche disposto a morire per lui. Di una morte veloce, come un infarto. Non tradirei mai Berlusconi, piuttosto che tradirlo preferirei morire.”

Secondo l’ex Responsabile “Ci vorrebbe un Berlusconi al nord, uno al centro e uno al sud. Così l’Italia diventerebbe la prima nazione al mondo, il giardino del mondo”

5 COMMENTI

  1. sempre e comunq. GRAZIE al MAFIOSO berluscy eh?? ha comprato Razzi e altri delinquenti, E NOI PAGREREMO I VITALIZI DI KI HA SERVITO LA MAFIA…….CI LAMENTIAMO SE AUMENTA LA BENZINA DI POKI CENT. E NON CI RIORDIAMO CHE ABBIAMO SUL GOBBO VITALIZI& PENSIONI A GOGò…..KE SKIFO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.