CONDIVIDI
anna oxa-

Anna Oxa torna a far parlare si sé, iscrivendosi al lungo elenco delle star italiane perseguitate dagli stalker. Lo ha fatto direttamente con un video pubblicato su Youtube nel quale denuncia la situazione pesante che sta vivendo.

Un’accusa circostanziata quella della cantante pugliese: “Intorno a me c’era un giro di una vasta rete, una rete che si è mantenuta economicamente dal frutto del mio lavoro e della mia immagine. E non a caso un giro milionario preferisce fare il possibile per farmi credere pazza piuttosto che rinunciare al portafogli. Per questo tanti sono collusi al punto da ignorare esposti e denunce. Lo Stato? Vedremo se si farà mantenere da me, per le tasse che pago, oppure mi saprà dare servizi, come la giustizia. Quand’è che ci sono? Quando pago le tasse? Quando non posso usare nemmeno i soldi con il quale lavoro?”.

Parole durissime quindi, anche nei confronti di chi dovrebbe tutelarla e invece a suo dire non fa nulla. Anna non ce la fa più a sopportare: “Tutti i giorni c’è gente che mi insegue con la macchina, si apposta sotto casa, fa video con i cellulari, mi provoca, mi insulta, mi chiamano al telefono anche 100 volte, pure di notte. Mi mandano messaggi particolari, tipici delle persone squilibrate nominando anche mia figlia. Per questo, dopo aver fatto diverse denunce, ho visto che finora, considerato il reiterato comportamento, sono questi esseri a essere tutelati, purtroppo, non io, non voi. Tutti i momenti trascorsi nelle ultime settimane sono pieni di prove e documenti che aspettano che qualcuno faccia il proprio dovere di giustizia”.

Quindi chiede giustizia la Oxa, che sotto sotto fa anche passare il messaggio di ua campagna sui media ostile alla sua persona: “Vogliono farmi apparire pazza. Forse perché sono l’unica a dire la verità? La verità è pazzia?”. Ora aspettiamo di vedere se tutte queste accuse avranno una risposta, ma soprattutto un riscontro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.