ricetta dell'amuchina fai da te contro il coronavirus

La questione coronavirus ha generato un senso di forte panico tra le persone.

Infatti, nelle zone dette focolaio (ossia Lombardia e Veneto) i supermercati risultano essere in gran parte svuotati, per il timore di non poter avere riserve di cibo, nel caso in cui la situazione dovesse degenerare. 

Lo stesso discorso vale per le mascherine e l’amuchina.

Quest’ultima, ha raggiunto dei prezzi stellari, sia nelle farmacie che in diversi negozi online.

Di conseguenza, la gente si trova in uno stato di emergenza e non sa come fare per poter acquistare tale disinfettante a dei costi accessibili. 

Ma come potete ben immaginare, molte persone si sono mobilitate per creare dei prodotti alternativi, validi per la rimozione di microbi e batteri.

Amuchina fai da te

Sul web è possibile trovare una serie di ricette, che prevedono un mix di candeggina, detersivi, sale e tanto altro ancora.

Prima di creare delle soluzioni, bisogna tener conto delle quantità di ogni singolo “ingrediente”, specialmente se a base di alcol.

Mai sottovalutare quest’aspetto, altrimenti potreste dar vita ad un qualcosa di poco efficace, o al contrario corrosivo.

Per realizzare l’amuchina fai da te, potreste utilizzare dei disinfettanti a base di ipoclorito di sodio, in quanto efficaci anche per la pulizia di alcune superfici.

La candeggina può andar bene per la pulizia dell’ambiente circostante ma va bandita se utilizzata in maniera diretta sulla pelle.

Tuttavia, secondo il Ministero della Salute e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), è preferibile utilizzare dei prodotti contenenti alcol isopropilico oppure alcol etilico.

Disinfettare le mani con queste soluzioni, risulta essere molto efficace.

Inoltre, hanno rilasciato una ricetta, che sembrerebbe essere un’ottima alternativa alla classica amuchina, realizzabile in casa.

Eccola qui:

  • 833 ml di alcol etilico al 96%
  • 42 ml di acqua ossigenata al 3%
  • 15 ml di glicerina (glicerolo) al 98%
  • Acqua distillata oppure bollita e raffreddata q.b.

Infine, nel caso in cui non si dovesse disporre delle componenti sopra citate, si può benissimo optare per il classico lavaggio a base di acqua e sapone, a patto che duri per almeno una ventina di secondi.

Questo perché lavare le mani in maniera repentina, non vi consentirà di essere immuni a delle contaminazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.