CONDIVIDI

Informazioni su Amalfi e Positano

State decidendo dove organizzare le vacanze ma siete indecisi sulla destinazione? La Costiera Amalfitana è sicuramente una delle mete italiane più gettonate.

Prende il nome dalla c28ittà di Amalfi, centro della Costiera non solo geograficamente ma anche economicamente. La sua fondazione viene fatta risalire ai romani, il suo stemma riporta infatti la scritta Descendit ex patribus romanorum. Nel IX secolo divenne una delle Repubbliche marinare e rivaleggiò con Pisa, Genova e Venezia per il controllo del Mediterraneo.

I marinai di Amalfi furono tra i primi a utilizzare la bussola in Occidente. Il Codice Marittimo di Amalfi, meglio noto col nome di Tavole amalfitane, ebbe una grande influenza fino al XVII secolo. La città raggiunse il suo massimo splendore nell’undicesimo secolo, a cui fece seguito una progressiva decadenza: nel 1131 fu conquistata dai Normanni e nel 1135 e 1137 saccheggiata dai pisani. Successivamente, nel 1343, una tempesta con conseguente maremoto distrusse gran parte della città.

Riconosciuta patrimonio dell’Unesco nel 1997, Amalfi è amata per la bellezza dei suoi paesaggi e per la mescolanza di culture presenti al suo interno. Il monumento più famoso è sicuramente la cattedrale in stile arabo normanno, la cui costruzione fu iniziata nell’undicesimo secolo e più volte modificata nel corso della storia.

Amalfi è famosa anche per la produzione di limoni e per l’industria cartaria, da sempre fiore all’occhiello della città.

Un altro comune che appartiene alla Costiera Amalfitana è Positano, centro della provincia di Salerno. Si dice che la città fu fondata dagli abitanti di Paestum in fuga da un saccheggio per mano dei Saraceni. Tuttavia, si hanno maggiori certezze sulle sue origini romane, anche se alcuni reperti archeologici fanno pensare a una fondazione ancora più remota.

In età romana era luogo di villeggiatura, come attestato dal ritrovamento di una villa al di sotto della chiesa di Santa Maria Assunta. Tratto tipico della città sono le sue scalinate.

Durante l’età medievale furono costruite numerose torri per l’avvistamento dei Saraceni, autori di numerose incursioni che mettevano in pericolo la popolazione. La prima torre si trova al di fuori del comune, in località Punta Campanella. Da lì, una volta avvistato il nemico, veniva lanciato il primo segnale, un colpo di cannone, poi ripetuto nella seconda, nella terza e così via, percorrendo tutta la Costiera Amalfitana. In questo modo i positanesi potevano mettersi in salvo.

[df-gallery url=”https://www.wdonna.it/gallery-item/amalfi-e-positano-foto”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.