al bano rischia il fallimento: troppe spese e zero entrate

Il Coronavirus ha portato ad una crisi economica non indifferente non soltanto alla gente comune.

Infatti, ci sono diversi personaggi dello spettacolo che stanno risentendo di questa situazione, come ad esempio Al Bano.

Il cantante di Cellino San Marco, si dichiara spaventato perché la sua azienda agricola rischia il fallimento. In un’intervista per Diva e Donna, ha affermato:

“Ho solo uscite, nessuna entrata, così sopravvivo solo un anno. Limando qua e là, con le giuste accortezze, vado avanti un anno. Sono 50 famiglie senza reddito. Lei ha letto tutte le norme per riaprire? La spesa non vale l’impresa e poi finirebbe per assomigliare tutto ad un ospedale. E un ristorante non può sembrare un ospedale”.

E a Mattino Cinque, in collegamento con Federica Panicucci ha detto così:

Aggiungo che grazie a Dio l’azienda vinicola va benissimo però parliamo di agricola, dell’albergo, ristorante e pizzeria chiusi. Sono perdite quotidiane non indifferenti. Sia chiaro: non sto piangendo miseria. Ma la situazione è abbastanza critica. Non solo per me ma per tutto il resto del mondo”.

Al Bano preoccupato per i tour

Sempre per Diva e Donna, Al Bano parla anche della sua preoccupazione per i concerti, insieme alla sua ex Romina Power.

 “Chi si fida a prendere un aereo, ad andare per il mondo con questo dannato virus in giro! Con costi poi che sono una sperequazione! Non capisco perché la musica leggera sia sempre considerata la Cenerentola dello spettacolo. Trovano contributi per tutti, ma non per chi fa il nostro lavoro”.

Ed aggiunge: “Vedremo quando a settembre dovremo fare la vendemmia quando ci sarà la raccolta delle olive come faremo”.

Ovviamente, dinanzi a tali considerazioni, il web si è scatenato. C’è chi lo sostiene ma anche chi lo critica aspramente, in quanto irrispettoso verso chi sta davvero vivendo una situazione economica difficile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.