CONDIVIDI

Adotta un mondo di sì: informazioni

“Adotta un mondo di sì” è il nome della campagna promossa da Lega del Filo d’Oro per sensibilizzare le persone sulla necessità di dare il proprio contributo a chi ha bisogno di aiuto.

Il testimonial della campagna è Agostino, un bimbo affetto dalla sindrome di Charge.

Il piccolo, grazie all’aiuto di Lega del Filo d’Oro, ha fatto grandissimi progressi, imparando a camminare e pian piano a comunicare con il linguaggio dei gesti, miglioramenti che non sarebbero stati possibili senza il contributo economico delle donazioni.

Da qui la necessità di sottolineare – ed è proprio su questo punto che si batte Lega del Filo d’Oro (vai al sito http://bit.ly/1SYetqp ) – l’importanza delle donazioni regolari.

I bambini come Agostino hanno bisogno di cure e assistenza costanti per continuare a migliorare e ciascuno di noi può fare davvero tanto con il proprio contributo.

Lega del Filo d’Oro dal 1964 si impegna per aiutare le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali a sviluppare al meglio le proprie potenzialità e ne favorisce l’inserimento in società, offrendo al tempo stesso supporto alle loro famiglie.

La storia di Agostino

La mamma di Agostino ha voluto ringraziare l’associazione inviando una lettera nella quale ripercorre le tappe della vita del figlio, dalla nascita ad oggi, dalle difficoltà alle prime gioie. Agostino, quando è nato, non respirava.

A soli 20 giorni ha subito la prima operazione al cuore, a cui hanno fatto seguito tanti altri interventi. Per otto mesi è rimasto steso in un letto.

“Pensavo di non farcela, pensavo di essere sola, ma c’eri tu. Anche se non volevi neppure essere toccato – scrive la mamma -. E poi io e il tuo papà ti abbiamo portato alla Lega del Filo d’Oro, dove abbiamo trovato tante persone disposte a trovare quei ‘sì’ che nessuno aveva ancora visto. Così sei tornato a essere un bambino, non più un piccolo malato. Piano piano tutto quello che in ospedale sembrava impensabile si è realizzato. Ti hanno aiutato a esprimere i tuoi bisogni, anche se non riesci ancora a parlare. Hai iniziato a fare i primi passi, quando non riuscivi nemmeno a restare seduto.”

La storia di Agostino ci insegna che non esistono i “no”.

In tutte le situazioni c’è sempre una speranza. Per far sì anche altri bambini abbiano i loro “sì”, aderite alla campagna e date il vostro contributo a Lega del Filo d’Oro. Per avere maggiori informazioni ed eliminare eventuali dubbi sulle donazioni, compilate il form sottostante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.