CONDIVIDI

Il nostro paese  detiene il non eccellente primato europeo per il consumo di acqua minerale procapite.

Nel 2011 ciascun italiano ha consumato ben 188 litri.

Dei 12,350 miliardi di litri imbottigliati nel corso di quell’anno, oltre 11,320 miliardi sono stati consumati dentro i nostri confini nazionali.

La scelta dell’acqua in bottiglia è causata anche dal caos che regna  sui canoni di concessione per i prelievi alla fonte per pagare alle Regioni e ai Comuni canoni irrisori.

Inoltre solo un terzo delle bottiglie viene  riciclato, mentre la maggior parte continua a finire in discarica o si disperde nell’ambiente.

Gli italiani dunque  continuano a non bere l’acqua municipale, anche se sicura e controllata, gravando sul loro budget familiare per un acquisto non necessario.

Sono  pochi infatti i casi in cui è oggettivamente impossibile bere l’acqua del rubinetto perché  inquinata o  tossica perfino per lavarsi.

acqua in bottiglia

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.