CONDIVIDI

Sin dal passato l’ aceto è stato usato  non solo come condimento, ma anche come medicinale.

All’aceto e alle sue tante varianti disponibili (di vino, balsamici, di frutta, di riso) sono state attribuite molte proprietà.

In particolare, sembra  che agisca sulle riserve di «grasso», che sia antitumorale e utile per il controllo della glicemia.

Per i primi due effetti non ci sono  riscontri scientifici effettivi ,  mentre sul controllo della glicemia esistono molti dati.

A conferma, uno degli studi più recenti, pubblicato sul Diabetes Metabolism Journal.

Alcuni studiosi  dell‘Università di Seul hanno osservato, sia pure in animali da laboratorio, che quando questi venivano sottoposti a diete ad elevato contenuto di grassi, abbinate con aceto balsamico, si limitavano gli effetti negativi dei grassi sulle cellule beta del pancreas ovvero quelle che secernono insulina quando si alzano i livelli di glucosio nel sangue.

Si può dunque ipotizzare un effetto preventivo nei confronti del diabete, poichè le cellule che producono insulina sarebbero meno esposte ai rischi di una dieta ricca di grassi.

Occorre però fare attenzione a non  eccedere. I medici fanno  notare come uno smodato uso di questo alimento possa portare problemi gastrointestinali, soprattutto se ci fossero pregressi sintomatici di patologie come gastrite o reflusso gastro-esofageo.

 

Aceto : i diversi usi come rimedio naturale

E’ utile  ma non solo in cucina! 😉
Dovete sapere che viene utilizzato anche in campi come il benessere o le pulizie ecologiche.
Benefico in tutte le sue forme come aceto di vino, di mele, di frutti vari, di miele, balsamico, di birra, di riso, aromatizzato alle erbe e non solo.
Ne esistono molte varietà diffuse nel nostro Paese e tutte ricche di proprietà benefiche.

Storicamente l’aceto era uno dei 3 alimenti insieme alla salvia e al farro che l’esercito romano si portava sempre dietro.

Gli antichi romani , infatti , amavano bere l’acqua “acetosa”, leggermente frizzante e disinfettante. Si dice fosse anche digestiva e gradevole al palato.

I legionari usavano l’aceto (conoscendone le doti antibatteriche) sia per depurare le acque dei luoghi in cui facevano sosta, sia per disinfettare cibi e ferite di guerra.

Aceto in cucina

In CUCINA, l’aceto si usa per preparare tantissime pietanze dal marinare il pesce a condire le insalate e le carni. Fa parte della categoria chiamata “alimenti nervini” (come il caffè), perché è un’eccitante, e regala una sensazione di benessere, istantanea.
Ottimo per condire l’insalata perché ha un’effetto igienizzante eliminando batteri rimasti dopo il lavaggio della verdura ma la sua grande caratteristica è l’acidità perché facilita la digestione, ma meglio usarlo con
moderazione, perchè proprio per questo motivo si  accentuano i sintomi di ha patologie come gastrite, o reflusso gastro-esofageo.
L’aceto viene originato da bevande alcoliche (vino, sidro, birra).. ma può essere consumato anche da chi è astemio perchè l’alcool viene ossidato dai batteri e trasformato in acido acetico.
Un enorme pregio dell’aceto è che contiene pochissime calorie (dalle 15 alle 20 ogni 100 grammi) a seconda dei vari tipi.  E considerate che un cucchiaio corrisponde a soli 15 grammi!
L’aceto di mele è anche meglio di quello di vino perché ricco di betacarotene, potassio, fosforo, calcio, e possiede proprietà digestive, battericide, e antinfiammatorie, utile per problemi gastrointestinali, tipo diarrea e
stipsi.

Aceto in medicina

L’aceto, per le sue virtù, viene utilizzato in campo terapeutico.
Utile in caso di infiammazioni del cavo oro-faringeo, quindi per tosse, catarro, e mal di gola… associandolo al miele.
Assumetelo sia come bevanda che come rimedio per effettuare gargarismi.
Inoltre le nonne hanno sempre usato l’aceto per alleviare il prurito, anche in caso di varicella ad esempio,  riempite la vasca da bagno con acqua e aceto di vino bianco e immergetevi per una decina di minuti, vi toglierà il fastidio!
Infallibile anche contro caviglie gonfie e distorsioni.

Pulizie domestiche

Nelle PULIZIE DOMESTICHE diventa un economico detergente naturale.
Potete pulirci superfici come pavimenti e sanitari evitando prodotti chimici nocivi, potete lavarci i vetri opachi delle finestre, pulirci gli scarichi aggiungendoci anche bicarbonato di sodio ( otterreste un potente anticalcare e disinfettante).

Aceto come trattamento estetico

Alleato notevole anche per la BELLEZZA

Se  risciacquate i cappelli dopo lo shampoo diventeranno più lucidi o  potete utilizzatelo per la pelle grassa poichè restringe i pori e riequilibra il pH della pelle, miscelando acqua e aceto e usandolo come tonico.
Vi suggerisco di comperarlo, (per i vari usi), perchè quello prodotto da voi in casa è meno igenico!
I vari tipi di aceto prodotti sono:

  • Aceto comune (di vino non pregiato)
  • Aceto di qualità (prodotto con vino pregiato e invecchiato)
  • Aceto aromatizzato (aceto di qualità con aggiunta di erbe aromatiche)
  • Aceto decolorato (aceto comune decolorato, utilizzato per conservare
    ortaggi sottaceto)
  • Aceto speciale (tipi di aceto come quello balsamico di Modena)
  • Aceto di miele (ottenuto dalla fermentazione di miele più acqua)
  • Aceto di lamponi (ottenuto dalla fermentazione dei lamponi)
  • Aceto di riso (prodotto dalla fermentazione naturale del riso)
  • Aceto di cocco (prodotto dalla linfa della palma di cocco)
  • Aceto di ribes (ottenuto dalla fermentazione del succo di ribes)

Le varie proprietà e i numerosi utilizzi che si possono fare dell’aceto confermano la validità dei vecchi rimedi delle nostre care sagge nonne…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.