CONDIVIDI

Il seno è la parte femminile per eccellenza ed è anche un parte del corpo molto a rischio tumore. Spesso il cancro alla mammella è silente, altre volte si può avvertire al tatto; la palpazione è consigliata dopo i 30 anni di età. Ricordiamo sempre che è necessario, superati i 30 anni di età, fare prevenzione quasi ogni anno perchè il nostro corpo cambia , controlli periodici e specifici.

Mammografia

Il cancro al seno è la forma di tumore più frequente nel sesso femminile, colpisce una donna su otto nell’arco della vita e rappresenta il 29% di tutti i tumori che colpiscono le donne.

Cause e fattori di rischio

Purtroppo non si conoscono ancora le cause alla base dello sviluppo di questo tipo di tumore, sono però stati individuati vari fattori di rischio. L’età: più del 75% dei casi di tumore del seno colpisce donne sopra i 50 anni. La familiarità: le probabilità di sviluppare il cancro al seno aumentano se si ha più di un parente stretto colpito da questo male. Fattore genetico: esistono alcuni geni la cui mutazione è responsabile del 50% circa delle forme ereditarie di cancro del seno, sono il BRCA1 e il BRCA2. Gli ormoni: vari studi hanno dimostrato che l’eccessiva presenza di estrogeni facilita la comparsa del cancro al seno. Per questo tutto ciò che provoca un loro aumento ha un effetto negativo, i fattori che invece provocano una diminuzione di estrogeni, come le gravidanze, svolgono una sorta di funzione protettiva. La densità del seno, il fumo, il consumo di alcolici sono altri fattori di rischio.

Come individuarlo

Solitamente nelle prime fasi il tumore non provoca dolore, per individuarlo è quindi importante constatare la presenza di eventuali noduli palpabili o addirittura visibili, per lo più localizzati nel quadrante superiore esterno della mammella. Altri possibili segnali del tumore al seno sono: alterazioni del capezzolo (in fuori o in dentro), perdite da un capezzolo solo, cambiamenti della forma o della pelle (effetto a buccia d’arancia). Nella maggior parte dei casi, però, il tumore al seno può essere individuato solo con la mammografia.

Prevenzione

È possibile ridurre il rischio di ammalarsi di tumore al seno seguendo alcuni semplici accorgimenti. È importante non condurre una vita sedentaria ma svolgere una regolare attività fisica, evitare un’alimentazione ricca di grassi ma preferire frutta e verdura, anche allattare i figli aiuta a combattere questo tipo di tumore. L’ecografia, la mammografia e la visita al seno sono altri potenti alleati, così come l’autopalpazione, una tecnica che permette alla donna di individuare precocemente il tumore, ma attenzione: non può sostituire gli altri controlli, può essere un’aggiunta ma non un’alternativa, questo perché la sua efficacia in termini di screening è in realtà molto bassa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.