CONDIVIDI

La musica stimola le connessioni del cervello. Secondo una ricerca canadese pubblicata sul Journal of Neuroscience,infatti, imparare a suonare uno strumento da piccoli migliora le connessioni cerebrali e dà maggiore abilità  in compiti che richiedono destrezza nei movimenti.

Lo studio  ha esaminato 36 musicisti adulti.

Sono stati quindi  sottoposti ad un test motorio mentre il loro cervello veniva analizzato con una speciale tecnica di risonanza magnetica, l’imaging con tensore di diffusione, che permette di valutare le connessioni nervose con ottimo dettaglio e nella loro tridimensionalità.

La metà  di questi aveva iniziato a studiare musica prima degli otto anni, l’altra metà solo in seguito, ma tutti vi si erano applicati per lo stesso numero di anni.

I dati sono stati poi confrontati con quelli ottenuti sottoponendo agli stessi test persone che non avevano mai studiato musica.

Dal risultato pare che studiare le note faccia bene.

Coloro infatti che avevano iniziato prima dei sette anni mostravano  una maggiore abilità motoria.

«Quanto prima i soggetti avevano iniziato ad applicarsi allo studio della musica, tanto più risultavano abbondanti le connessioni cerebrali – 31–. Con i test di risonanza inoltre non abbiamo visto differenze fra chi non era un musicista e chi aveva iniziato a studiare uno strumento dopo l’infanzia: evidentemente lo sviluppo cerebrale viene potenziato se e solo se si comincia presto».

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.