CONDIVIDI

Stato confusionale: sintomi e cause

Spesso ci capita di andare in confusione, di non avere più quella lucidità necessaria per compiere le varie attività quotidiane. Tale condizione è spesso il frutto di stanchezza, ritmi troppo frenetici e della mancanza di riposo, per questo è sufficiente concedersi un po’ di relax per ritrovare il pieno controllo di sé.

Lo stato confusionale vero e proprio, invece, è un disturbo ben più grave, contro il quale non bastano alcune ore di sonno. Esso può infatti essere legato a molteplici cause.

Ma partiamo dal capire realmente di cosa si tratta. Lo stato confusionale è una compromissione dello stato di coscienza più o meno grave, in cui il paziente ha problemi di memoria, con conseguente difficoltà ad orientarsi rispetto al tempo, alle persone e allo spazio.

Possono inoltre presentarsi allucinazioni, delirio e difficoltà a distinguere la fantasia dalla realtà. Il soggetto appare disorientato e può non riconoscere le persone che gli stanno intorno.

Tali sintomi rendono questo disturbo perfettamente riconoscibile. La sua presenza è dovuta a diversi fattori, tra cui numerose patologie: ansia, disturbi psichiatrici, depressione, tumore al cervello, colpo di calore o ipotermia, trauma cranico, demenza, abuso di alcol e/o droghe, ipoglicemia, ipotiroidismo, depressione post partum, insufficienza renale, meningite, infezioni da streptococco, febbre alta, shock anafilattico, esposizione a monossido di carbonio, ipossia, denutrizione, TIA (attacco Ischemico transitorio).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.