CONDIVIDI

Cos’è la Sindrome di Sjögren

La sindrome di Sjögren, descritta per la prima volta nei primi anni del Novecento dal medico svedese Henrik Sjögren, è una malattia infiammatoria cronica di natura autoimmune.

Colpisce soprattutto le donne (l’80% – 90% dei casi) e viene solitamente diagnosticata dopo i 40 anni, a menopausa iniziata, ma può interessare anche ragazze più giovani. È invece piuttosto rara nei bambini.

Il sistema immunitario, in condizioni normali, protegge l’organismo combattendo virus e batteri dannosi; nella sindrome di Sjögren, invece, esso si comporta in maniera anomala e attacca le ghiandole esocrine, in particolare quelle salivari e lacrimali, distruggendole e causando svariati disturbi.

I pazienti affetti da tale patologia presentano infatti secchezza oculare, vaginale, cutanea, problemi della tiroide, tosse secca cronica, bocca secca, dolori articolari e muscolari, intorpidimento e formicolio degli arti, eruzioni cutanee, forte senso di stanchezza.

Come si può notare, la sindrome di Sjögren può quindi colpire varie parti del corpo: dalla pelle all’apparato digerente, passando per le articolazioni, i vasi sanguigni, i nervi, i polmoni. Può perciò interessare anche organi vitali.

La sintomatologia non ha un’intensità standard ma varia da paziente a paziente: alcuni possono mostrare sintomi molto lievi, altri alternare periodi di ottima salute seguiti da acuzie.

Tali effetti possono generare una serie di complicazioni: alterazioni della funzionalità renale ed epatica; eruzioni cutanee legate all’infiammazione dei vasi sanguigni minori; problemi neurologici; aumento del rischio di carie, gengiviti, infezioni del cavo orale dovute alla bocca secca; maggior rischio di infezioni oculari e lesioni alla cornea; infiammazione dei polmoni, reni e del fegato (si verificano raramente).

La diagnosi di tale malattia non è semplice, perché i suoi sintomi possono essere confusi con quelli di altre patologie. La secchezza della bocca e degli occhi possono essere i campanelli d’allarme ma saranno necessari esami più approfonditi per individuare le cause di tale condizione e poter così confermare o escludere la presenza della sindrome di Sjögren.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.