CONDIVIDI
bambino dito in bocca

La sesta malattìa si riconosce proprio per la febbre alta, che dura circa 3 giorni, per poi passare all’improvviso ad essere eseguita dalla caratteristica eruzione.
Le macchioline rosa sono distribuita quasi esclusivamente sul torace del bambino e si attenuano rapidamente fino a scomparire in uno o due giorni.

Il virus che provoca la sesta malattia, l’herpes di tipo VI, non è trasmesso dagli altri bimbi ma da un adulto portatore sano , che lo “ospita” fin dall’infanzia quando aveva contratto a sua volta la malattia: come altri virus della famiglia dell’herpes, rimane infatti nell’organismo per sempre anche dopo la completa scomparsa dei sintomi.

E’ normale che , dopo la malattia, il bimbo provi una lieve sensazionedi debolezza ed abbia un po’ d’inappetenza ma può superare il malessere non stando in casa ma uscendo e stando con altri bimbi.
La comparsa di puntini bianchi sulla palpebra o viso si chiamano “Grani di Miglio”, molto frequenti nei piccoli nei primi mesi di vita.

In sostanza sono minute raccolte di cheratina sotto la superfice della cute: questa proteina normalmente si sfalda e viene eliminata in frammenti microscopici, invisibili ad occhio nudo. A oggi non  è una spiegazione certa del motivo dell’origine di queste raccolte.
I grani di miglio non causano fastidi o complicazioni e tendono con il passare del tempo a scomparire spontaneamente, senza lasciare segni.

La sesta malattia si presenta dai 6 mesi di vita e mai prima.
In questo lasso di tempo , il bebè. pur essendo esposto al virus di cui i genitori sono portatori, dispone degli anticorpi capaci di combatterlo e trasmessi dalla madre attraverso la placenta.
Tali anticorpi scompaiono gradualmente verso i 6 mesi, lasciando il potenziale pericolo di infiammazione virale.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO