CONDIVIDI

CONTRO LA TIROIDITE AUTOIMMUNE UN PICCOLO E PREZIOSO ELEMENTO: IL SELENIO

La ghiandola tiroidea per svolgere correttamente le sue funzioni necessita di elementi come lo iodio, indispensabile nella produzione degli ormoni tiroidei, ma anche del selenio, che svolge funzioni di difesa e di regolazione nell’organismo, grazie a tre enzimi che funzionano solo in presenza di selenio: la glutatione-perossidasi, la iodotironina deiodinasi o desiodasi e la tioredoxina reduttasi, tutti coinvolti nella sintesi e nell’attivazione degli ormoni tiroidei.

Questi svolgono soprattutto azione antiossidante, fondamentale nel corretto funzionamento della ghiandola, poiché la durante la reazione della Tireoperossidasi, che lega gli atomi di iodio alla Tireoglobulina per la sintesi di T3 e T4, si generano radicali liberi che devono essere neutralizzati; se questi restano, invece, liberi, poiché le difese sono scarse, compare ipotiroidismo e tiroidite autoimmune in chi è predisposto alla patologia.

La soluzione è stata trovata da uno studio pubblicato nel 2016 su Thyroid: tramite l’integrazione di selenio, gli anticorpi anti-tiroide, presenti in elevate quantità nei soggetti che soffrono di tiroidite autoimmune e che causano la distruzione progressiva della ghiandola, si riducono sia in soggetti che assumono Levotiroxina, che in soggetti non trattati farmacologicamente, anche se gli effetti si sono verificati solo dopo 3 mesi.

In quali alimenti è presente il selenio? Sono ricchi di questo prezioso elemento il fegato, il pesce, i molluschi, i crostacei, il latte e derivati, le noci, le arachidi, la frutta, i vegetali, i funghi, il riso, il lievito di birra e la carne.

Ancor più potente l’azione del selenio se assunto insieme alla vitamina E, che agisce sinergicamente potenziando l’azione antiossidante.

Il consumo quotidiano di frutta secca, pesce e vegetali, oltre che garantire un corretto funzionamento degli ormoni della tiroide ed una prevenzione nei confronti della patologia autoimmune, dovrebbero essere assunti anche perché fonti di proteine buone e fibre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here