CONDIVIDI

Il brano presentato ieri a Sanremo dai cantanti Ermal Meta e Fabrizio Moro, diventa un caso. Infatti, la canzone intitolata “non mi avete fatto niente”, pare essere molto simile ad un pezzo presentato nel 2016, nella sezione giovani

Possibile plagio

La canzone quasi “gemella”, di cui stiamo parlando è quella intitolata “silenzio, presentata, ma poi scartata, due anni fa a Sanremo giovani da  Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. 

Il ritornello di questa canzone, infatti, recitava proprio: “Non mi avete tolto niente, non avete avuto niente, questa è la mia vita che va avanti oltre tutto e oltre la gente”.

Parole che ritrovano un riscontro anche nel ritornello della canzone cantata da Moro e Meta, che infatti fa così: ““Non mi avete fatto niente, non mi avete tolto niente, questa è la mia vita che va avanti, oltre tutto, oltre la gente”.

I due brani, però non hanno solo le parole in comune, ma anche uno degli autori.

Infatti “Non mi avete fatto niente”, oltre che dagli stessi cantanti, è stata scritta anche da Andrea Febo; stesso autore anche di Silenzio. 

Il regolamento di Sanremo

Il fatto che le due canzoni abbiamo lo stesso autore, dovrebbe scagionare da possibili accuse di plagio. Ma cosa dice il regolamento in proposito?

Esso parla chiaro: per essere ammesse, le canzoni, devono avere un requisito su tutti essere nuove.

 “È considerata nuova, ai sensi e per gli effetti del presente Regolamento, la canzone che, nell’insieme della sua composizione o nella sola parte musicale o nel solo testo letterario (fatte salve per quest’ultimo eventuali iniziative editoriali  debitamente autorizzate), non sia già stata pubblicata e/o fruita, anche se a scopo gratuito, da un pubblico presente o lontano, o eseguita o  interpretata  dal vivo alla presenza di pubblico presente o lontano”

 Tutto dipenderà, quindi da Silenzio. Pur non essendo mai stata commercializzata, è importante avere la certezza, che il brano non sia miao stato eseguito in pubblico. 

In caso contrario la canzone favorita di quest’anno potrebbe rischiare la squalifica per plagio.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.