CONDIVIDI

No agli sprechi. Nel mondo circa un terzo del cibo prodotto per il consumo umano viene perduto o sprecato. Parliamo di cifre allucinanti come 1,3 miliardi di tonnellate all’anno. L’allarme è stato lanciato dalla Fao secondo cui se si potessero recuperare tutti questi scarti si potrebbe dare da mangiare, per un anno intero, a metà della popolazione mondiale: circa 3,5 miliardi di persone. In Europa e Nord America vanno persi tra i 95 e i 115 kg di cibo all’anno, mentre in Africa sub-sahariana e nel Sud/Sud-Est asiatico tra 6 e 11 kg.

Nei Paesi in via di sviluppo oltre il 40% dello spreco alimentare si registra a livello di post-raccolta e lavorazione, mentre nei Paesi industrializzati oltre il 40% dello spreco avviene a livello della grande distribuzione e domestico.

Il punto focale riguarda appunto gli sprechi domestici, oltre il 40% del totale che tradotti in kg sono 76 pro capite per anno. Per essere precisi, gli sprechi nella filiera agroalimentare europea si ripartiscono così: 39% produzione e trasformazione, 5% vendita all’ingrosso e al dettaglio, 14% ristorazione e 42% uso domestico.

Lo sperpero alimentare in Europa però, varia molto fra gli Stati, il massimo è raggiunto dall’Olanda con 579 kg e  il minimo dalla Grecia con 44 kg. L’Italia è sotto la media, con 149 kg pro capite per anno.

Ma c’è la possibilità di preparare una buona cena con poco?

Proprio di questo argomento parla il libro  ‘Di necessità... menù. Mangiare da re in tempo di crisi‘, scritto a sei mani da Betty e Silvia, le conduttrici di Radio Capital e lo chef Sergio Maria Teutonico.

All’interno possiamo trovare tutta una serie di spunti e di ricette, per imparare non solo a risparmiare ma anche ad evitare  tutti questi ingenti  sprechi nelle nostre tavole.

Come far durare il make up più a lungo

I trucchi non costano poco pertanto l’ideale sarebbe farli durare il più a lungo possibile, sempre in rispetto della data di scadenza indicata sulla confezione. I prodotti del nostro make-up tendono a finire in men che non si dica e spesso siamo costretti a buttarli perché, nonostante non siano esauriti del tutto, la loro confezione non ci permette di utilizzarli in toto. Da qui l’importanza di conoscere alcuni accorgimenti che ci consentano di prolungare la durata dei nostri trucchi, evitando sprechi.

Fondotinta: usandolo pressoché tutti i giorni, è normale che finisca in tempi piuttosto brevi, ma l’aggiunta di un po’ di crema idratante può allungare tale periodo, consentendoci inoltre di utilizzare anche i residui che si attaccano alle pareti. Mettendo in atto questo stratagemma, però, può succedere che il fondotinta risulti meno coprente, diventando una sorta di crema colorata.

Mascara: può succedere che si secchi. Per ovviare a questo inconveniente, potete aggiungere qualche goccia di olio di ricino o del collirio. Mescolate bene con lo scovolino e utilizzatelo come fate solitamente. Probabilmente dovrete aspettare un po’ più di tempo per un’asciugatura completa.

Rossetto in stick: quando non è più possibile stenderlo in maniera tradizionale, utilizzate un pennellino.

Ombretti: prendete un batuffolo di cotone imbevuto in un po’ d’alcol, passatelo sulla superficie della palette, cialde di ombretto comprese. Così facendo rimuoverete i residui di polvere, farete risorgere i colori e disinfetterete il tutto. Bello, no?

Matite: per avere una punta perfetta siamo costrette a temperarle più e più volte, ciò rappresenta un grande spreco. Per evitare questo, passate la matita su un pennellino (per occhi o labbra) e applicatela in questo modo.

Contenitori: gli inconvenienti si verificano sia con quelli in tubetto che con quelli muniti di dosatore. Nel primo caso, per evitare gli sprechi, tagliate la confezione e usate il fondo come tappo; nel secondo, invece, potete trasferire il prodotto in un contenitore più pratico.

 

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.