CONDIVIDI

Calorie in gravidanza

Lo scorso anno l’EFSA, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha reso noto l’apporto calorico ideale durante la gravidanza, in modo tale da controllare l’aumento di peso della gestante ed evitare l’accumulo dei chili di troppo.

L’aumento di peso ideale di una donna in gravidanza, partendo da una condizione di normopeso, è stato stimato in 12 chili al termine dalla gestazione, in quanto tale aumento garantisce il benessere sia della donna che del bambino che porta in grembo.

Il fabbisogno energetico supplementare a sostegno della gravidanza è stato calcolato in 70 kcal al giorno in più nel primo trimestre, di 260 kcal per il secondo trimestre e 500 kcal per il terzo trimestre. Per un totale di 2300-2600 calorie giornaliere.

Al fine di rispettare queste direttive, è importante prestare molta attenzione all’alimentazione. Nel primo trimestre, l’apporto calorico non deve essere troppo differente rispetto a quando non si è incinte. Le 70 calorie in più equivalgono, ad esempio, a un paio di biscotti in più a colazione, a un frutto, un piccolo pezzo di pane o a una porzione appena più abbondante di carne o di pesce, pasta o riso.

Ricetta dieta gravidanza

Nel secondo trimestre, invece, le 270 calorie in più possono essere divise così: un biscotto, una fettina di torta o un frutto a colazione, 50 grammi in più di carne o pesce a pranzo, 40 grammi di pasta o riso o cereali a cena. La gestante può permettersi qualche sfizio, ma sempre senza esagerare.

L’ultimo trimestre è quello maggiormente soggetto all’aumento di peso, ciò accade anche se la donna non mangia molto: tutte le calorie si trasformano infatti in energia di riserva, fondamentale per il completamento della crescita del bambino.

La gestante dovrebbe evitare i cibi dolci, preferendo il consumo di carne, pesce, cereali integrali, frutta e verdura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.