CONDIVIDI

pistacchi , come è noto, rientrano nella categoria frutta secca. Sono salati e buonissimi da mangiare anche se altrettanto calorici. Quando si parla di pistacchi, però, si parla anche di salute: se ne mangiamo l’equivalente di una tazzina al giorno terremo lontane i problemi cardiaci perchè essi abbassano il colesterolo LDL (cattivo) e prevengono i tumori. A sostegno di ciò ci sono state diverse ricerche scientifiche , in particolare quella di alcuni ricercatori della Pennsylvania State University che appunto hanno scoperto che questi frutti sono particolarmente ricchi di antiossidanti e proteggono le cellule dai radicali liberi . Il livello di luteina (un potente antiossidante alimentare), beta-carotene e gamma-tocoferolo è particolarmente elevato in questo tipo di frutta secca.

Il processo che avviene è il seguente: Il beta-carotene si trasforma in vitamina A e svolge un’azione preventiva nei confronti delle neoplasie, mentre il gamma-tocoferolo (vitamina E), tiene lontane le malattie del cuoreLa luteina poi è importante per la vista e per la pelle.

In questo modo si evita che nel sangue aumenti il colesterolo cattivo che causa infiammazione.

Olio di Pistacchio e sistema immunitario

Una curiosità molto interessante è quella che riguarda olio di pistacchio che viene assunto per via orale. Si è dimostrato che esso  stimola e rinforza le cellule del sistema immunitario, accelerando quindi la guarigione delle infezioni. E’ vero che è un cibo calorico ma è anche vero che se mangiassimo una manciata di questi semi oleosi a merenda, a metà mattino o il pomeriggio tutti i giorni risulta  il nostro organismo sarebbe nutrito e ricco di fibre e antiossidanti. Non pensate che essendo calorico , come cibo vada demonizzato: basterà passeggiare 20 minuti al giorno per eliminare le giuste calorie.

Proprietà del pistacchio e origini

I pistacchi sono prevalentemente costituiti da grassi mono e polinsaturi, vale a dire grassi “buoni”.
Nei pistacchi ,rispetto agli altri semi oleosi, sono presenti sostanze antiossidanti in maniera maggiore: luteinabeta-carotene e tocoferoli.
Sono presenti sali minerali quali fosforo , calcio, potassio e ferro e son presenti le vitamine E, B1 e B6. Rientrano nella categoria della frutta secca come le  noci, mandorle, pinoli e nocciole.

Per quanto riguarda le origini, non tutti sanno che furono gli Arabi, strappando la Sicilia ai Bizantini, a promuovere e a diffondere la coltura del Pistacchio in Sicilia . Anche la stessa etimologia ci ha comprendere ciò perchè il termine dialettale siciliano Frastuca (il frutto) e Frastucara (la pianta) derivano, infatti, dai termini arabi “fristach”, “frastuch” e “festuch”, derivati a loro volta dalla voce persiana “fistich”.

In Sicilia il pistacchio prese piede nella seconda metà dell’Ottocento (nelle province di Caltanissetta, Agrigento e Catania).In quest’ultima, ai piedi del vulcano Etna, nel territorio di Bronte, conobbe la massima espansione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.