CONDIVIDI

Il tasso di fertilità, negli ultimi anni, si è notevolmente ridotto, e questo non giova alla voglia delle donne di coronare il loro sogno di diventare genitori. Il processo di concepimento è un iter davvero difficile da compiere. Ci sono tuttavia alcuni consigli e comportamenti che possono aumentare le possibilità di rimanere incinte. In molti casi è la donna ad avere difficoltà a rimanere incinta, anche se l’uomo potrebbe non contenere tutte le necessarie funzionalità utili al concepimento. E come in ogni problema che si rispetti, anche nel rimanere facilmente incinte c’entra la dieta. Avere una giusta alimentazione concorre nel favorire la fertilità. Conoscere appieno la dinamicità del proprio ciclo, inoltre, aiuta ad aumentare le probabilità di concepire. Assumere proteine e vitamine, evitare il caffè ed evitare gli alcolici

Peso e fertilità

Desiderate avere un figlio ? Allora occorre fare attenzione  alla forma fisica.

Infatti essere sottopeso o troppo in carne potrebbe mettere a rischio la gravidanza. Sia l’obesità che l’eccessiva magrezza, possono compromettere la fertilità, oppure allungare i tempi  del concepimento.

Secondo uno studio inglese, pubblicato sul Journal of Human Reproductive Sciences, l’obesità, inoltre, interferisce anche sulla stimolazione ormonale, riducendone le probabilità di successo.

Nelle donne sovrappeso l’infertilità è provocata principalmente dall’alterarsi della produzione degli ormoni steroidei che interferisce con la regolazione centrale del ciclo mestruale.

Rispetto alle donne normopeso, poi,  hanno più spesso l’ovaio policistico altra causa di infertilità.

Ripristinando un peso adeguato in maniera graduale, secondo lo studio, si recupera la capacità riproduttiva nel 70% dei casi.

Anche l’anoressia, può essere causa di infertilità.

Le donne molto magre,infatti  hanno un deficit di estrogeni e soffrono di amenorrea, dovuta a un’alterazione della regolazione centrale del ciclo.

Per la ricerca, in questo caso recuperare almeno il 90% del peso forma può significare tornare a essere fertili, anche se in percentuali più basse rispetto alle donne obese.

Inoltre che ci sia un legame tra obesità e infertilità maschile lo conferma anche un recente studio dell’Harvard Medical School di Boston, pubblicato su Human Reproduction.

Secondo i risultati il 71% di chi aveva problemi d’infertilità era obeso.

E non solo. L’alimentazione è fondamentale poichè può avere un effetto protettivo nei confronti della sterilità.

Ovulazione e fertilità

Se la vostra preoccupazione è quella di rimanere in cinta, questo articolo fa al caso vostro.

La domanda: Quando posso fare l’amore con il mio compagno per evitare di rimanere in cinta?

Ogni donna deve interpretare i segnali del proprio corpo per avere un maggior controllo della situazione.

C’è da dire che non è sempre un compito facile perchè ogni donna è diversa e non tutti i segnali sono riconoscibili prontamente.
Ma esistono quelli oggettivi e molto più evidenti o più congeniali di altri come ad esempio la prensenza del  muco cervicale.

Il muco è il segno evidente della fertilità di una donn e in presenza dello stesso, sarebbe utile astenersi dai rapporti completi.

Quando finisce il flusso mestruale di solito si sperimentano alcuni giorni “secchi”, ossia giorni non fertili ,in quanto l’acidità del pH vaginale è ostile agli spermatozoi.

C’è anche da dire che non solo quello cervicale ma qualsiasi tipo di muco e’ potenzialmente fertile, anche quello di tipo sticky che e’ il muco di piu’ scarsa qualita’. Se non si vogliono gravidanze è necessario dunque proteggere i rapporti.

E’ importante anche fare  molta attenzione anche alla sensazione, ovvero prima di toccare e guardare fermarsi un attimo e cercare di fare a caso a che sensazione senti a livello vaginale: secco? Umido? Bagnato? Lubrificato? Solo dopo passa il dito sull’orefizio vaginale e osserva.

Tenere sotto controllo la temperatura basale

Si tratta del  metodo della TB  e si basa sul fatto che il progesterone causa un rialzo della temperatura corporea di 0,2°C subito dopo l’ovulazione.

Questo rialzo dura fino a quando il livello di progesterone calerà con l’arrivo delle mestruazioni.

Questa è una variazione leggera e pertanto suscettibile di errori di valutazione in quanto la temperatura corporea varia anche per altri motivi come infezioni virali, stress, farmaci

Si deve condiderare che una temperatura alta invece prima dell’ovulazione potrebbe significare ipertiroidismo ma se rimane costante potrebbe significare che l’ovulazione non avviene e in tutti questi casi è bene parlarne al proprio medico.

N.B I giorni fecondi sono in norma al massimo due al mese e non si sa precisamente quali siano (dipende dalla regolarità del flusso mestruale).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.